bad – day #32

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Se non fosse che siamo tutti isterici per tutto questo stare in casa mi piacerebbe fare la paternale a quelli che fanno un uso dozzinale di band già di per sé strafamose. Il mio vicino di sotto dice di essere un fan dei Pink Floyd e mette spessissimo i Pink Floyd. I Pink Floyd, inutile […]

Tame Impala – The Slow Rush

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

[questo articolo è uscito su Loudd.it] I Tame Impala suonano un genere a sé. Una posizione di prestigio che ha due chiavi di lettura: Kevin Parker ha davvero inventato uno stile che fa scuola oppure ha passato all’estrattore tutta la musica degli ultimi trent’anni dando vita a uno stile talmente evocativo da contenere l’essenza di […]

underground

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Da quando Elio e le Storie Tese l’hanno messa al bando in quanto bella tutto quanto ma alla lunga rompe i coglioni, non si sente più tanta musica balcanica in giro. Le ultime avvisaglie risalgono forse a una decina di anni fa, ma mi sembra che i fasti delle colonne sonore con le bande di […]

radio attività

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, Spazio Pour Parler

Il 13 febbraio è la Giornata Mondiale della Radio, per gli anglofoni World Radio Day, un’iniziativa promossa dall’UNESCO per confermare l’importanza del mezzo di comunicazione più diffuso anche ai tempi del web. Oggi infatti parliamo di programmi radiofonici come modelli di entertainment e non soltanto per il modo in cui il segnale viene emesso. Il […]

che cosa ci insegna il jazz

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Che nella vita è fondamentale essere capaci a improvvisare su uno standard comune in cui si sussegue ciclicamente la stessa sequenza di accordi.

siamo già alla quarta serata e nessuno si è ancora chiesto che cosa voglia dire “sanremo2020 startfine”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Il bello di Sanremo è che, alla settantesima edizione, la concorrenza televisiva ha capito l’antifona e anziché riempire i palinsesti di fuffa, che tanto tutti guardano il festival, manda in onda trasmissioni tentacolari come armi di distrazione di massa. Come se, nel 2020, nessuno avesse un abbonamento Netflix, Sky o una connessione a banda larga […]

gente che va, gente che torna

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Mentre ci lascia Andy Gill dei Gang of Four ritornano i Psychedelic Furs con un nuovo singolo, preludio di un nuovo album. Richard Butler ha, da sempre, uno dei timbri di voce più straordinari e inconfondibili, alla pari di Robert Smith, Morrissey e Bowie. Sentite che bello. Speriamo che il nuovo disco sia tutto così.

è stato un tempo solitario

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, questione primaria

Il giorno in cui mi è esploso per la prima volta il rock dentro io me lo ricordo benissimo. Avevo poco più di sei anni, era il duemila e venti, facevo la prima elementare e c’era stata una specie di epidemia di febbre e tosse per cui eravamo in dieci in classe. Nell’intervallo lungo dopo […]

ci sono donne che sanno stare un passo indietro, ci sono uomini che sanno stare un passo avanti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Hey you Don’t watch that. Watch this! This is the heavy heavy monster sound. The nuttiest sound around, so if you’ve come in the off the street and you’re beginning to feel the heat. Well, listen buster you better start to move your feet to the rockinest, rock steady beat of Madness.

generatore random di abbinamenti tra vecchi cantautori che non hanno più molto da dire e giovani esponenti della trap italiana

Pubblicato il Pubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Le prime avvisaglie della necessità di marcare il territorio socio-culturale con qualche pisciata artistica da parte delle generazioni cosiddette boomer che hanno prosciugato le risorse al futuro dei millennials le abbiamo avute con l’aver circondato Achille Lauro, nel suo set live del concerto del primo maggio, con musicisti cinquantenni, a partire dal chitarrista di Ligabue, […]