nessun campionatore è stato maltrattato nella registrazione di “Unknown Pleasures”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

La distanza tra il giorno di oggi e l’uscita dell’album di esordio dei Joy Division è la stessa che passa tra il 1900 e l’entrata dell’Italia in guerra. Le date della liberazione o dello scoppio del conflitto più cruento del novecento le tiro in ballo spesso per rendermi conto di quanto tempo è trascorso tra […]

se prendi a spallate il mondo poi il mondo prende a spallate te

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Non c’è storia più triste di “Bitter Sweet Symphony” dei Verve. Ve la riassumo brevemente: i Verve compongono un pezzo della madonna e poi, per fare i fighi, gli mettono sotto il campionamento di “The Last Time” dei Rolling Stones eseguito dalla Andrew Loog Oldham Orchestra. Nel 1997 siamo ancora in piena anarchia per la […]

la cartolina con l’uomo che si tuffa

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Sono stato a New York verso la fine degli anni novanta e all’ingresso del MOMA c’erano delle postazioni multimediali dalle quali si potevano inviare le cartoline virtuali personalizzate del museo. Si trattava di un gadget elettronico abbastanza diffuso in quell’embrione dell’Internet che stava per esplodere. Bastava scegliere il soggetto, scrivere l’indirizzo del destinatario e del […]

the national – i am easy to find

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

[questo articolo è uscito su loudd.it] A ogni disco dei The National ci chiediamo quale sia l’ingrediente segreto o la componente soprannaturale che rende fuori discussione, per la band di Matt Berninger, la possibilità di comporre un pezzo brutto, una strofa noiosa, un ritornello banale, un arrangiamento fuori luogo, un passaggio inappropriato, una sequenza di […]

magnadyne

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Il televisore funziona benissimo. Peccato che, da quando è in voga il digitale terrestre, le antenne incorporate – una lunga lunga e una tonda tonda – non captino null’altro che il rumore bianco. Era l’apparecchio che d’estate portavamo nelle casa di campagna e che, d’inverno, si spostava di camera in camera a seconda se ci […]