tempo scaduto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

In previsione della Giornata della Memoria, introdotta dalla collega di italiano, ho presentato alla mia classe il “Quartetto per la fine del tempo” di Olivier Messiaen, corredato dalla lettura della storia romanzata da Richard Powers (che se vi interessa trovate qui) e facendone ascoltare alcuni passaggi tratti da questa esecuzione live per rimarcare il contrasto […]

l’unico suono di chitarra non riproducibile con la bocca

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

When the song shifts from the verse to the chorus, Jonny Greenwood plays three blasts of guitar noise (“dead notes” played by releasing fret-hand pressure and picking the strings). Greenwood said he did this because he did not like how quiet the song was; he explained: “So I hit the guitar hard—really hard”.[3] O’Brien said: […]

terrorismo, post-rock e musica libera da diritti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

La colonna sonora del video allucinante commissionato da Bonafede a qualche smanettone di Final Cut per far commuovere d’orgoglio gli italiani per la cattura di Battisti si chiama “Silent Partner”, è stata composta da Ether ed è uno di quei pezzi liberi da copyright che può usare chiunque in una sua produzione. Questo per dire […]

la musica in grande

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Le dimensioni contano? Noi di “Alcuni aneddoti dal mio futuro” pensiamo proprio di sì. Ma non fraintendetemi. Intanto non siamo in tanti in questa redazione di ciarlatani, nel senso che difficilmente superiamo il valore di zero e quando c’è uno a scrivere, l’unico, talvolta risulta persino assente a se stesso. E poi mi riferivo ai […]

lui quella sera era un lampo e guardarlo era quasi uno shock

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

La storia della canzone italiana è costellata di grandi storie che, per tantissimo tempo, hanno costituito l’alternativa più credibile ai testi d’amore. Pensate al pericoloso slalom tra una bomba e l’altra, in un’Italia fiaccata dagli attentati, che mosse Venditti da Bologna a Roma o l’epopea strappalacrime con cui Guccini portò in trionfo la giustizia proletaria […]