lidl bells

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in comunicazzione

Potete anche dare il via al Whamageddon di quest’anno. Ho già visto le prime decorazioni nei negozi, ci sono già gli sconti strategici sui giocattoli più ambiti nei centri commerciali, si odono qua e là le prime conversazioni sul menu di Natale o sui lavoretti che faranno i bambini delle elementari. Ma c’è chi si […]

il passo del pinguì

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in comunicazzione

Uno dei motivi per cui il rock italiano risulta patetico paragonato a quello statunitense o a quello made in UK è l’annoso problema della sovrabbondanza nel nostro vocabolario di parole piane, sdrucciole e bisdrucciole rispetto alle tronche che, del rock anglofono, sono la morte sua. D’altronde se il nostro apparato fonatorio non si è spicciato […]

non faccio testo

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in comunicazzione

Da quando esistono gli spot i sociologi della comunicazioni e chi studia le nostre reazioni alle sollecitazioni dei mass media caldi sostengono che comunque, anche senza rendercene conto, siamo condizionati da ciò a cui siamo stati esposti durante le pause commerciali dei programmi tv. A me piace pensare invece che, a parte i jingle e […]

serve una mano?

Pubblicato il Pubblicato in comunicazzione

Un incipit acchiappaclic che si rispetti non dovrebbe inanellare parole come diarrea o emorroidi ma nemmeno perdite o prostata. Chi si occupa di SEO e SEM si metterebbe le mani nei capelli o almeno io me ne guarderei bene dal leggere un articolo che comincia così. Allora proviamo un approccio diverso: per gli spot televisivi, […]

pubblicità alluci-nante

Pubblicato il Pubblicato in comunicazzione

La battuta nel titolo è bella, ammettetelo, invece lo spot di Exoderil Nailer tratta&colora fa ribrezzo ma, dal punto di vista dell’advertising, è sicuramente efficace. Non so da cosa derivi questo boom di pubblicità e spam che si vede in giro dedicata alla micosi, nemmeno fosse il male del secolo. A me le unghie dei […]

pessimismo e serramentismo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in comunicazzione

Si dice, vero, guardare dalla finestra? Da oggi l’azione più comune sarà guardare LA finestra. Dopo i maestri del futurismo e del cubismo, è il momento del serramentismo. E non lo dico io. Ci sono questi burloni dei neologismi pubblicitari che le provano tutte per stupire all’ora del telegiornale. Ho appena visto questo spot in […]