american sniper, houellebecq e altri incidenti

Pubblicato il 4 commentiPubblicato in i dislike

Omar è un amico siriano che mi ha insegnato a scegliere le cose e i cibi autentici della sua cultura. Mi ha accompagnato in uno di quei market stipati di roba – alimentare e non – che poi una forza lavoro poco definibile cerca di smerciare nei punti più redditizi della città e l’ho visto […]

la suburbia ha dell’incredibile e nel fine settimana dà il meglio di sé

Pubblicato il 7 commentiPubblicato in a Milano, esterofilia canaglia, i dislike

La suburbia ha dell’incredibile e nel fine settimana dà il meglio di sé. A me capita di soffermarmi ad ascoltare gli abitanti di queste aree decentrate quando si riversano, nel tempo libero, nei luoghi più frequentati, perché a volte parlano dialetti meridionali così chiusi che non è immediato capire se sono italiani o no. Non solo […]

gioventù sbruciacchiata per adulti scottati

Pubblicato il 30 commentiPubblicato in i dislike, Spazio Pour Parler

Per qualche ignota combinazione mi trovo al centro di una seconda o terza media in viaggio dagli outskirt verso quella grande mela in stato di decomposizione che è Milano, in piedi nel vano da cui si accede all’uscita del treno dei pendolari. Sfortunatamente si tratta di maschi e femmine ancora in quella fase in cui […]

vade feretro

Pubblicato il 3 commentiPubblicato in i dislike, Spazio Pour Parler

A me questa faccenda che se fosse capitata qualche giorno prima poteva essere tranquillamente una parodia di “Weekend con il morto” mi ha fatto riflettere innanzitutto sul perché, come sostiene anche Gramellini – notate che ho usato “anche”, scusate l’immodestia, ma vi giuro che ci avevo pensato pure io ieri – le cose dalle nostre […]

graziani, quello senza pulici e in camicia nera

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in alcuni aneddoti dal futuro degli altri, i dislike

È accaduto il mese scorso. Ad Affile, piccolo comune a est di Roma, la giunta di «centrodestra» – chissà quando ci libereremo di quest’eufemismo! – ha inaugurato un sacrario dedicato a Rodolfo Graziani (1882 – 1955). Graziani – che è sepolto nel locale cimitero – fu governatore della Cirenaica durante la «riconquista» fascista della Libia (1930-’31), […]

la dismissione

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in duepuntozero, tecnologia e altri incidenti, i dislike, potrebbe piovere

Qui non c’è un impianto industriale da rimuovere pezzo per pezzo e da portare in oriente, c’è solo un capitale intellettuale e professionale che fattori diversi stanno smantellando ma che non verrà ricostruito altrove con le stesse macchine, bensì con apparati e competenze anche meno convenienti di quelle che si trovavano qui. Vaglielo spiegare tu […]

vicini ma irraggiungibili

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, i dislike

Pochi cantanti non sopporto come Lucio Battisti. Forse Zucchero ma la lotta è dura. Vuoi la supponenza con cui siamo abituati a vederlo pervaso, in bianco e nero con il dolcevita o il foulard al collo nei programmi d’epoca. Vuoi la diffusione capillare delle canzoni del sole, quei fucking tre accordi zappati sulle corde della […]

pesci piccoli e pesci piccoli

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in i dislike, Spazio Pour Parler

Che non è detto che siano meno dannosi dei pesci grossi, e vi giuro che mentre la concomitanza dell’altro post un po’ me l’ero preparata prima, questa è una pura combinazione anche se la notizia è di qualche giorno fa ma sarebbe stata perfetta per il primo di aprile, e io ne sono venuto a […]

coda allegra

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i dislike, Spazio Pour Parler

Questo pomeriggio, lungo la via che costeggia il porto di Savona in cui è ormeggiata la Costa Allegra per le operazioni di riparazione dopo l’incendio dello scorso febbraio, c’era la coda di auto ferme con le quattro frecce – in quel punto della litoranea non c’è nemmeno lo spazio per una sosta di emergenza – […]

passare in vantaggio competitivo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i dislike, Spazio Pour Parler

Certo che, una partita iva dopo l’altra, le aziende possono scalare la classifica del loro mercato e raggiungere il primato tagliando tutti i costi del lavoro per il profitto. Che poi uno gli dice che va bene, posso anche considerare di trasformarmi in un libero professionista a patto che io sia libero veramente, libero di […]