apologia di ciclismo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in a Milano, esterofilia canaglia, Spazio Pour Parler

La prima cosa che ho fatto quando mi sono trasferito a Milano è stata acquistare una bellissima city-bike. Provenendo da una terra in cui le strade pianeggianti sono poche e prese d’assalto da numerosi automobilisti, il cui numero centuplica nel fine settimana aumentando esponenzialmente la pericolosità e il disgusto del ciclista, ho finalmente coronato uno […]

mi fa male qui

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Spazio Pour Parler

Capita che ogni tanto qualcuno mi chiami dottore. Al telefono, quelle (rare) telefonate di sconosciuti, telefonate di lavoro, che iniziano con “è il dottor 1gmt”? (con il mio vero cognome, naturalmente, che ometto per motivi di privacy anche se so che i miei venticinque lettori conoscono benissimo le mie generalità, ma meglio non correre rischi). […]

non chattate al conducente

Pubblicato il 3 commentiPubblicato in duepuntozero, tecnologia e altri incidenti, Spazio Pour Parler

Proliferano su Repubblica.it le segnalazioni di autisti del trasporto pubblico che, in servizio, si dilettano in attività collaterali (e pericolose) alla guida. Le prove sono clip in cui i protagonisti sono ripresi durante conversazioni telefoniche, mentre scrivono sms, addirittura intenti in attività ludiche con l’ipad. L’autista duepuntozero dovrebbe rendersi conto che anche i passeggeri sono […]

svendere sogni

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in a Milano, duepuntozero, tecnologia e altri incidenti, i dislike, partiti e poi tornati, potrebbe piovere, Spazio Pour Parler, verba volant

I due manovali dell’IT che mi ammorbano ogni santo giorno descrivendo a voce alta, in treno, questo o quell’altro trucco per vincere la perenne sfida tra l’uomo e la macchina, per inciso ricordatevi che potrete anche vincere una o più battaglie ma giammai riuscirete a sopraffare l’intelligenza artificiale, che ha un’espressione molto ma molto più […]

lavoro di concept

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in a Milano, i dislike, Spazio Pour Parler

Un colpo di fulmine. Uscendo da un ristorante della zona, ho visto il cartello “vendesi” sulla porta di una vecchia officina della Renault. Poi questa via aveva un grande fascino. Era una strada popolare, fatta di piccoli artigiani, sartine, fruttivendoli. C’era allegria, un’aria di casa. E così mi sono messa al lavoro. A Milano serviva […]