red christmas

Pubblicato il 6 commentiPubblicato in Spazio Pour Parler

Il Natale al supermercato Carrefour qui sotto, quello dove vado a comprare giorno per giorno qualcosa da mettere sotto i denti in pausa pranzo per evitare i panini a sei euro dei bar del centro di Milano, è da qualche tempo in piena atmosfera natalizia, come tutto e tutti del resto. Le cassiere hanno in […]

dulcis in fundo

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Spazio Pour Parler, tv dei ragazzi

A mia figlia la dinamica della trama di Sandokan – il film per la tv con Kabir Bedi – proprio non è andata giù. E il motivo è evidente: cresciuta a narrativa a lieto fine, o a finale inevitabile ma comunque edulcorato, la riduzione per il piccolo schermo delle vicende raccontate da Salgari, che comunque […]

gods of metal

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, Spazio Pour Parler

Scoop: secondo il Vatican Insider, Alice Cooper non è più satanista e si converte al bene. Sì, è vero – ha dichiarato Cooper – sono un “cristiano rinato”. Ma ogni credente in Cristo vive una vita nuova, ha un approccio diverso rispetto alla propria esistenza. Non è come Scientology dove tutto è fondato sulle tue […]

apologia di taxismo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in potrebbe piovere, Spazio Pour Parler

Avete presente una civiltà in cui la verginità di una ragazzina viene monitorata da controlli assidui da parte dei genitori, in uno scenario in cui un intero gruppo etnico può essere tacciato come capro espiatorio di default dall’opinione pubblica per qualunque cosa tanto da poter essere accusato liberamente e spingere la controparte del sottoproletariato (e […]

dici a me?

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in potrebbe piovere, Spazio Pour Parler, tifiamo rivolta

L’ultima volta in cui ne ho preso uno ho speso più da casa mia a Linate che per il volo che mi stava aspettando, ma non avevo scelta. Da allora ho deciso che mai più mi sarei rivolto a un tassista, a costo di alzarmi ore prima per percorrere l’equivalente del tragitto con mezzi pubblici […]

invenzioni a due voci

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler, verba volant

Dopo venti minuti abbondanti di conversazione in tono soverchiante circa le strategie più efficaci per sbaragliare gli avversari in un celebre gioco di ruolo fantasy, i due bimbi imprigionati in un corpo da giovani adulti con tanto di barba e borse porta-computer raccolgono le loro cose e si avviano verso l’uscita più vicina per scendere […]

quel pomeriggio di un giorno da cani

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in a Milano, Spazio Pour Parler

Non entrate! Non entrate! Una mamma con un neonato addormentato nel marsupio e il figlio grande per mano lancia l’allarme rivolta all’altro lato del cortile antistante la scuola materna. Ma dalla parte opposta, la ragazza che ha già la mano destra sulla maniglia del cancello, arrivata qui da poco più di un anno dal Bangladesh, […]

che tempi

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in quattro stagioni (rossa), Spazio Pour Parler, verba volant

Di là due bimbe giocano inventandosi sceneggiature usando l’imperfetto. Facciamo che la giraffa era bellissima e la zebra e la cavalla svenivano dallo stupore. Ora si rincorrevano perché arrivava un cacciatore e loro scappavano perché conoscevano un rifugio segreto. Quando cresceranno, mancano solo pochi anni per essere considerate grandi a tutti gli effetti, adotteranno il […]

affetto e affettato

Pubblicato il 3 commentiPubblicato in quattro stagioni (rossa), Spazio Pour Parler

Gli individui manifestano il volersi bene nei modi in cui sono capaci, anche attraverso gesti talvolta deleteri. Non so, penso ai racconti di casi limite come le percosse tra le mura domestiche, gente che dice di amarsi anche così ma nessuno poi per fortuna ci crede. Altri, laddove sono carenti nel supporto psicologico, inteso anche […]

the rythm of the night

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Il monopolio dell’informazione locale è suddiviso tra due quotidiani semi-nazionali che dedicano al territorio alcune pagine interne differenziandole per l’area di distribuzione. Gli abitanti della provincia scelgono quale acquistare anche a seconda del loro orientamento geografico di riferimento. Mi spiego. Chi è più incline a un’ottica regionale legge il quotidiano A, edito nel capoluogo. Ma […]