jovanotto-otto-tre

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Chiudete gli occhi, o lasciateli aperti o fate come volete. Provate a immaginare questo pezzo con la voce di Max Pezzali, perché sembra davvero una sua melodia. Stesso discorso per struttura e ritmo, la metrica dei testi (soprattutto) e la dinamica stessa della canzone. Tanto che la prima volta che l’ho sentito ho pensato a una cover.

viva il parroco

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i like

Bertone: «Non escludo una squadra del Vaticano in Serie A»

Il cardinale Tarcisio Bertone: ”Non escludo che il Vaticano possa allestire in futuro una squadra di calcio di grandissimo valore che possa essere all’altezza della Roma, Inter, Genoa e Sampdoria”. Il cardinale Tarcisio Bertone non ha mai nascosto la sua passione per il calcio. Quando era arcivescovo di Genova aveva anche fatto per alcune telecronache allo stadio per una televisione privata mostrandosi un grande esperto.

l’Italia che non esiste più

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in i like, potrebbe piovere

La democrazia si presentava ai cittadini sotto queste spoglie dimesse, grigie, disadorne; ad Amerigo a tratti ciò parve sublime, nell’Italia da sempre ossequiente a ciò che è pompa, fasto, esteriorità, ornamento; gli pareva finalmente una lezione d’una morale onesta e austera; e una perpetua, silenziosa rivincita sui fascisti, su coloro che la democrazia avevano creduto di poter disprezzare proprio per questo suo squallore esteriore, per questa sua umile contabilità, ed erano caduti in polvere con tutte le loro frange e i loro fiocchi, mentre essa, col suo scarno cerimoniale di pezzi di carta ripiegati come telegrammi, di matite affidate a dita callose o malferme, continuava la sua strada.

and her walkman started to melt

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Mi chiedo che roba le facciano ascoltare durante l’ora di musica. Mia figlia, a 5 anni, è tornata a casa dalla scuola materna canticchiando “il movimento sexy”. Mi sono informato: faceva parte di una sorta di intrattenimento musicale durante l’intervallo. “Perché usare il peggio della musica da ballo di gruppo da matrimonio per devastare il gusto dei nostri figli?”, ho pensato. In effetti, dotarla di ipod con una playlist personale ad hoc, per evitarle questi momenti, poteva essere una ottima idea. Peccato non esserci arrivato per primo.

l’auto che ti porta sull’altra sponda: Twingo Miss Sexty, cioè, Sixty

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in comunicazzione, i dislike

Aria nuova in pubblicità. Dopo decenni di donne e motori, ecco la svolta: donne lesbiche e motori. Ma la lesbica che piace all’uomo, da film porno insomma, che fa sesso con un’altra donna per compiacere il voyeur (se non per invitarlo in un trio). Drive the change, dice la Renault. Bah… Ottima analisi di Giovanna Cosenza qui. E non mi sforzo neppure di mettere il link al video dello spot, tiè.

lavori che farei

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Con questo post inauguro una nuova categoria, lo “Spazio Pour Parler”, già usato in decine – centinaia direi – di conversazioni reali nel corso di momenti conviviali e tempi morti di pendolarismo, incentrate su argomenti inutili tendenti al dannoso. Esiste – e qualcuno lo può confermare – persino un jingle a introdurlo. Allora…

Spazio Pour Parler! – prima puntata
Il problema è che tutti fanno elenchi cavalcando l’onda di “Vieni via con me”, a me non ne è ancora venuto uno brillante, da blog, per intenderci. Mi limito quindi a giocare la mia carta-elenco con questa inutile lista di “lavori che farei”. In ordine sparso.

# il tastierista dei Subsonica
# il traduttore dei romanzi di Paul Auster
# il copywriter delle campagne di comunicazione del Partito Democratico, a livello nazionale
# il copywriter delle campagne di comunicazione di Nichi Vendola
# il responsabile comunicazione di una giunta di centro-sinistra di un Comune dalle profonde radici PCI
# il tastierista dei National (lasciando quindi i gemelli Dessner liberi di suonare i loro strumenti a corda)
# il traduttore dei romanzi di Percival Everett
# il maestro elementare in un comprensorio sperimentale alla fine degli anni ’70
# il traduttore dei romanzi di A. M. Homes
# il copywriter alla Armando Testa
# l’insegnante di Italiano, Latino, Storia e Geografia in un Liceo Scientifico
# il tastierista degli Interpol
# l’insegnante di materie letterarie in una scuola media
# il responsabile comunicazione del Partito Democratico, a livello locale
# lo scrittore di nicchia (tipo Percival Everett, che a conoscerlo, almeno su Anobii, siamo non più di cento in Italia)
# il sound designer
# il blogger di grido (tipo quelli che postano articoli su Il Post)