per poi girarmi dall’altra parte

Pubblicato il 4 commentiPubblicato in quattro stagioni (rossa)

Il primo di ottobre è una di quelle date che passano alla storia perché ci si rende conto che svegliarsi che fa ancora buio dovrebbe essere annoverato tra i crimini contro l’umanità, e per girare il dito nella piaga c’è chi ti fa notare che non è niente, considerando l’imminente cambio dell’ora. Il dottore mi ha […]

l’autunno ha crashato, meglio spegnere e riaccendere

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, quattro stagioni (rossa)

Viviamo strani giorni, canta Franco Battiato. La stranezza quotidiana nelle canzoni è un tema ricorrente, ci sono giorni e giorni e alcuni più bizzarri degli altri. In questa domenica di ottobre in cui sembra che la stagione abbia bisogno di un upgrade tanto si pianta di continuo e forse è meglio disinstallarla e riprovare da […]

chi l’ha spento sei tu

Pubblicato il 3 commentiPubblicato in quattro stagioni (rossa)

Che bello, ci si stupisce ancora per il primo freddo, per la prima nebbia in autostrada che poi è nebbia per modo di dire, si vede benissimo ma tutti accendono le luci davanti e dietro. Ci sorprendiamo ancora quando a stare fermi seduti in casa a fare cose come scrivere un post così vengono mani […]

quando è giorno di bilanci quanto è saggio mettersi a dormire un altro po’

Pubblicato il 7 commentiPubblicato in quattro stagioni (rossa)

So che non mi piacerebbe girare l’Italia in automobile per lavoro ogni giorno, confidare nel tono della voce degli speaker radiofonici per sollevare l’umore con cui si attraversano tutte le stagioni e tutte le variazioni climatiche possibili su tutti i tipi di pavimentazione stradale esistenti. Questo anche se avessi un mezzo dotato di tutti i […]