non so voi, ma io mi sono commosso

Pubblicato il 6 commentiPubblicato in partiti e poi tornati

Il momento clou è stato al passaggio davanti allo stand in cui si spillavano birre e cuocevano salsicce: Bersani è stato invitato a mettersi all’opera e, tra un birra e una salsiccia, il coro che lo ha accompagnato è stato: “Un segretario, c’è solo un segretario”. (da Repubblica)

epilogo

Pubblicato il 8 commentiPubblicato in partiti e poi tornati

Scroccare una sigaretta elettronica. Fare la colletta di spiccioli tramite rid. Domandare informazioni stradali ai passanti. Nascondere i giornalini porno nei cassetti del comò sotto la biancheria per non farsi beccare dai genitori. Cercare una parola sul vocabolario scorrendo il dito sulla pagina. Sono tante le cose che non ha più senso o che non […]

se c’era una speranza streamingzita

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Spazio Pour Parler

Praticamente è come se ve lo stessi raccontando in diretta, più in diretta di un live tweeting.  Negli ultimi dieci minuti sono stato lavato da un’auto che incurante della pozzanghera a cui mi trovavo vicino è transitata a tutta velocità poco prima di rientrare a casa, ho sbattuto la testa contro la maniglia della porta […]

dead man

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Spazio Pour Parler

Quando uno muore si trova sempre nei giorni a ridosso del funerale qualcuno che sostiene che l’interessato, o meglio il defunto, non è che sia poi morto veramente. Non sto parlando di Elvis Preslely, Bob Marley, Adolf Hitler, Moana Pozzi e tutti gli altri intorno ai quali aleggia il mito della morte auto inflitta per […]

se poi il confronto lo vedi come se non te ne interessasse più nulla

Pubblicato il 6 commentiPubblicato in partiti e poi tornati, Spazio Pour Parler

I dialoghi tra chirurghi e infermieri in sala operatoria sono quasi proverbiali, anzi sulla scollatura tra il disimpegno di quelli con il bisturi dalla parte del manico e la tensione di quelli sotto a nervi e organi scoperti ci sono fior fiore di barzellette. Per non parlare dei più noti serial televisivi che hanno ospedali […]

che poi andranno tutti a votare per i montezemoli e a noi ci lasceranno vuoti, senza nemmeno le consonanti

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in partiti e poi tornati

Io non li sopporto proprio quelli che non la pensano come me in politica, addirittura quando sento un parere discordante, opposto o semplicemente quelli che devono per forza aggiungere qualcosa al mio punto di vista, ecco, più invecchio e più trovo la cosa irritante. Tanto che ho ridotto al minimo questo genere di discussioni e […]

antropologicamente diversi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in partiti e poi tornati

Chiediamo una legge sui partiti che garantisca bilanci certificati, meccanismi di partecipazione e codici etici, pena l’inammissibilità a provvidenze pubbliche o alla presentazione di liste elettorali. A differenza di altri, noi abbiamo già fatto molto per predisporci autonomamente a quella prospettiva. Abbiamo in vigore un codice etico più restrittivo rispetto alle garanzie del percorso giudiziario. […]

you’ll never walk alone

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in partiti e poi tornati

poli di opposizione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in potrebbe piovere

Bersani, nell’intervista odierna su Repubblica, annuncia l’avvicinamento del PD verso il Terzo Polo, il che congelerebbe le primarie. Spunti a confronto: Civati e Bracconi. Come non dar ragione a entrambi.        

potrei anch’io fare il presidente, ma sto con lei e non mi manca niente

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, i dislike, partiti e poi tornati

L’erba del vicino è sempre più verde? La politica in Inghilterra cita gli Smiths, mentre da noi si usa Neffa come inno. What difference does it make? Tsk.