la morte è dappertutto e ci sono mosche sul parabrezza, tanto per cominciare

Pubblicato il 10 commentiPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Il 27 giugno del prossimo anno i Depeche Mode suoneranno a San Siro e oggi, 17 ottobre dell’anno prima, già c’è penuria di biglietti. Restano gli anelli quelli in cui vedi Dave Gahan e Martin Gore grandi come giocatori di Subbuteo, mentre Andrew Fletcher come sapete, che lo vediate o meno è indifferente tanto lui, […]

i dieci pezzi più belli dei depeche MODE

Pubblicato il 5 commentiPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Dato che siamo in odore di tappe italiane del tour che non vedrò, uno perché costano un botto due perché li ho già visti più volte negli anni 80 e tre perché non c’è Alan Wilder, ecco una mia personale classifica dei loro brani. Ognuno mette la sua, quindi per non scrivere in giro commenti […]

il mondo che si vede dentro gli occhi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Dal terzo anello del Palasport Dave Gahan sembra un soldatino Atlantic in un plastico di una battaglia tra bambini delle medie e l’audio non è dei migliori, malgrado la posizione centrale garantisca almeno l’effetto stereofonico. Il tour di Violator impone ascolti rigorosi perché i nuovi pezzi sono ricchi di suoni molto particolari. Siamo a cavallo […]

l’insostenibile leggerezza di andrew

Pubblicato il 10 commentiPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Se io vi dico Fletcher molti di voi penseranno all’istante alla signora in giallo oppure all’omonima regina della blogosfera genovese. E già qui ci sarebbe molto da scrivere. Invece no, questa volta mi riferisco a uno dei membri fondatori dei Depeche Mode che, come sapete, sono appena tornati alla ribalta con un disco davvero niente […]

un tributo ai 90 dei Depeche Mode

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, appunti per una Top Ten del 2013

Secondo me il nuovo singolo dei Depeche Mode contiene richiami a Angel dei Massive Attack e dal punto di vista armonico a Glory Box dei Portishead. Trovate anche voi?

i cloni più eclatanti della storia del pop

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora

Indovinate di chi.

master (e basta)

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, gruppi in cui vorrei suonare, Spazio Pour Parler

C’è un’altra fondamentale (sempre nel grande calderone del wtf, o più elegantemente pour parler) suddivisione in due categorie di musicisti, ovvero chi sa stare sul palco e chi no, una capacità che in genere è valutata solo nei confronti dei cantanti ma che spesso si estende per forza di cose a tutti i componenti di […]

da questa parte, grazie

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, quattro stagioni (rossa), Spazio Pour Parler

Tra i numerosi quanto inutili canali che impoveriscono l’offerta televisiva del digitale terrestre, ce n’è uno che tutte le volte che passo di lì – in quei 5 minuti di cazzeggio che precedono il crollo nelle serate estive, momento che comprende una fase di zapping selvaggio tesa unicamente a trovare il programma di Paola Marella […]

Sanremo 2011, ecco chi vincerà il Festival

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in alti e bassi di fedeltà sonora, gruppi in cui vorrei suonare, i like, pezzi che avrei voluto comporre io, Spazio Pour Parler

La mia amica S. deve scrivere un pezzo su Sanremo, qualcosa che metta insieme, come è ovvio, musica, costume, gossip e così via. S. è la stessa fan di Morrissey che nel 1987 o giù di lì, ora controllo meglio (1), partì alla volta della cittadina rivierasca per intercettare il suo idolo, ospite straniero di […]