sale in zucca

Standard

“Papà ma perché noi non festeggiamo Halloween?”. Se anche voi genitori di bambini in età da scuola primaria vi siete sentiti rivolgere questa domanda e non sapete come rispondere, sappiate che addurre motivazioni plausibili non è più semplice come una volta. Nell’era pre-Obama era facile liquidare il discorso con “perché è una festa americana, cara, non nostra” facendo quella smorfia stizzosa come a sottolineare la distanza presa e mantenuta dall’imperialismo capitalistico moderno e dal potere delle multinazionali. Ora vuoi l’età, vuoi il crollo dell’intransigenza, vuoi che l’avversario vero è intra moenia, non si tratta più di una scusa ammissibile e convincente e puzza di leghismo di sinistra. Il problema è che dare per consolidate tradizioni imposte a tavolino dal mercato (e dal supermercato) mi fa un po’ ridere. Le tradizioni decretate così e non nate spontaneamente dal bisogno reale di far assurgere a rito una commemorazione sono davvero poco attendibili. D’altronde anche le feste che oggi diamo per scontato saranno nate in qualche maniera, no? Non riesco a immergermi in una convenzione stabilita solo per indurre al consumo persone che, d’emblée, scelgono di auto-imporsi lo spirito della festa. Non vi sentite a disagio, per esempio, nelle rievocazioni storiche? Il cerimoniale del palio di Siena? Le persone in costume medioevale e gli occhiali di Prada? Dolcetto o scherzetto? Non so se sono stato chiaro. Halloween è posticcio tanto quanto l’ampolla del dio Po e le radici celtiche. Ciò non toglie che i bambini, di questa caterva di seghe mentali, se ne fanno un baffo. Ci sono dolci e travestimenti? Ci sono anche loro. Sento che quest’anno dovrò cedere, magari mi maschero anche io da mostro. Magari no. Stay tuned.

6 pensieri su “sale in zucca

  1. Io, che sono rimasta bambina dentro (e un po’ anche fuori), ragiono per mi piace/non mi piace e una festa di zombie e caramelle mi piace. Abbasso la caterva di seghe mentali 🙂

  2. un paio d’anni fa abbiamo messo dei festoni arancio in cucina, facce di zucca in sequenza, per la festa.
    Il mattino seguente si sveglia il pupo, tre anni, agguanta il festone e lo strappa d’un botto: “non è più uallouin!”

  3. Eh no! non puoi travestirti anche tu, non vale. 🙂
    La festa originale americana è “for kids only”.
    E’ l’unica sera dell’anno in cui i piccoli si “vendicano” degli adulti e li mettono alle corde.
    Almeno, in origine era così; dopo il consumismo si è impossessato anche di questa festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.