alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

ci ha reso liberi

Il miglior contributo a questa giornata, per chi non ne fosse ancora provvisto, è trovare un modo a propria scelta per avere sempre tra le cose da fare il rivolgere un pensiero a quel sistema storico, non saprei come altro definirlo, in cui ci sta tutto quello che è successo nella prima metà del secolo scorso. Un post it, un nodo al fazzoletto, un qualcosa che appena lo vedi pensi per una manciata di secondi che non è così distante, ci separa solo qualche generazione da loro. C’è un passaggio del report di Levi che è alla base della nostra opinione sull’olocausto che costituisce il mio reminder quotidiano, e badate che non si tratta di un assillo, né di una fissazione, e non bollatemi come un maniaco depresso solo perché ci sono pensieri che più o meno ogni giorno mi balenano nella mente, è che ho trascorso un’infanzia in cui una parte di quel sistema storico era ancora un tema caldissimo, vivevamo la quotidianità ad appena trent’anni di distanza, e questa componente individuale di un processo di redenzione collettiva, paradossalmente redenzione verso le vittime ma anche nostro malgrado verso i carnefici, ha creato una sorta di palinsesto di argomenti di riflessione. E quando mi capita di preparare qualcosa da mettere sotto i denti per mia figlia ritrovo mentalmente le righe in cui l’autore di “Se questo è un uomo” racconta le madri che preparano la cena per i figli nei centri di raccolta consapevoli che la mattina dopo probabilmente andranno a morire, e si chiede che senso ha allestire con cura quell’ultimo pasto, quale ne sia l’utilità. E la voce narrante pone la domanda: voi non fareste lo stesso? Neghereste cibo ai figli affamati anche se fosse l’ultima cosa da fare? Lo strazio emotivo che ne deriva si smaltisce entro le mura della tiepida casa e tra i visi amici, nella tranquillità della libertà e dell’assenza di un rischio così disumano, nella certezza che questo è stato, e non dovrebbe accadere più. Fino a prova contraria.

2 commenti su “ci ha reso liberi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: