alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

come quando fuori piove

Un uomo rallenta con il suo fuoristrada grigio e accosta al bordo della corsia con le quattro frecce. Lo vedo scendere dall’abitacolo, girare intorno all’auto e fermarsi nello sterrato prima dei campi. La statale che porta da e verso Milano è deserta, è domenica mattina e non si capisce se pioverà o no. Probabilmente l’uomo si avvicinerà al bosso che delimita il viottolo che si dipana da lì, tirerà giù la cerniera e scaricherà. Invece lo vedo chinarsi velocemente, poi si rialza per risalire in macchina e ripartire. E mentre mi passa di fianco ci guardiamo per un istante. Mi viene in mente che quello spiazzo è spesso occupato da una ragazza, una di quelle che quando le vedi dici che è venuta dall’est e ora è schiava di qualcuno. Nei giorni infrasettimanali è lì solo dall’imbrunire in poi, nei fine settimana fa orario continuato, l’ho vista anche all’ora di pranzo e ho visto anche clienti contrattare un prezzo. Già che ci sono accelero, tanto sono già di corsa e aumentare un po’ il ritmo non mi costa nulla, e pochi metri dopo, nel punto in cui l’uomo del fuoristrada si è chinato, vedo tre rose rosse appoggiate sui ciuffi d’erba. Non so se sia una bella storia oppure no. Ci devo pensare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: