siamo a un passo dall’uscita per il futuro, metti la freccia

Standard

Il padrone dell’impresa girava con la Mercedes e la moglie con la pelliccia, persone di origini modeste e che si erano arricchite – e molto – in un modo così onesto che noi di quest’epoca non ce lo possiamo nemmeno immaginare. Ma ricordiamo il boss sopratutto perché suo figlio aveva poi studiato da ingegnere e si diceva che si fosse laureato con un po’ di fatica. Ma per fare il lavoro di un geometra poteva anche bastare. Aveva un giubbotto di pelle da aviatore e i Ray Ban a goccia, e quando attraversava il cortile con gli operai che facevano pausa pranzo con le loro gamelle in pochi lo salutavano con rispetto. Gli stessi che l’avevano visto crescere proprio in quegli spazi ubicati sotto il viadotto dell’autostrada, in cui loro si cambiavano e pulivano le attrezzature per il lavoro, mentre per il rampollo destinato a subentrare al padre erano ambienti di gioco. E non so come sia andata, probabilmente sarà successo che qualcuno, quando lui era bambino, lo avesse anche preso in simpatia facendolo giocare al carpentiere con il caschetto e gli scarponi anti-infortunistici. Di lì a poco gli sarebbe stato stato concesso di guidare l’azienda di famiglia e nell’immaginario di tutti c’era l’impossibilità per il figlio di superare il padre. Chi era partito da zero e aveva imparato da solo avrebbe lasciato un biglietto della lotteria in mano a chi partiva dai milioni di utili e aveva imparato all’università. Passava dall’impresa anche di sabato pomeriggio, ma solo perché in una specie di baracca per macchinari teneva la sua auto sportiva a due posti. Prima di ripartire si affacciava nei locali della mensa, a piano terra, dove al sabato si riuniva una band di quattordicenni che ci davano dentro di entusiasmo e sogni con strumenti musicali economici, quelli che i genitori poveri acquistano ai ragazzi perché non è detto che poi ne facciano una passione. Uno di quelli era il figlio del contabile di fiducia dell’impresa. L’ingegnere spalancava la pesante porta, dava un’occhiata dentro sollevando i Ray Ban. Il gruppo sospendeva il brano in esecuzione se era il caso, il figlio del contabile salutava e gli altri facevano un cenno giusto per educazione. Poi il futuro padrone saliva sul duetto e si allontanava, mentre i ragazzini approfittavano di quello stop imprevisto per fare una pausa e uscire sul cortile, alla luce del sole, o quello che se ne percepiva sotto il viadotto dell’autostrada.

2 pensieri su “siamo a un passo dall’uscita per il futuro, metti la freccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.