alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

sanremo 2014, i vincitori amorali

Un festival sottotono, un po’ in secondo piano rispetto a cose più serie come i rigurgiti antidemocratici dei nazisti del grillinois, i tumulti ucraini e in Venezuela e le olimpiadi invernali che non so nemmeno su che tv le abbiano passate, di certo non sui canali che prendo io. Ma ci sono alcuni fattori che hanno contribuito ad abbassare la qualità di questa edizione, tenendo conto che stiamo comunque parlando di una manifestazione fuori dalla realtà e che non rappresenta nulla se non sé stessa. Ammetto poi di non avere seguito tutte le serate, e pure durante la finale ci ha pensato Ligabue a darmi il colpo di grazia – Ligabue che mi fa cagare sin dal 1990 se non prima – così ho pensato bene di non resistere fino alla proclamazione del vincitore, consapevole che i Perturbazione, comunque, non ce l’avrebbero fatta.

Intanto la coppia Fazio – Littizzetto siamo tutti d’accordo che basta. Poi dovremmo smetterla con le vecchie glorie della tv, la nostalgia con davanti il baratro fa tristezza doppia e non insegna nulla. E a Crozza cosa gli è preso? A stare con Fazio gli è venuta la benignite? Ma siamo noi che sbagliamo ad aspettarci cose diverse da un evento così, che è un po’ quello che dicevo qualche post fa paragonando Sanremo al governo Renzi. Ma veniamo alle canzoni:

Arisa: sopravvalutata, mi aspettavo il primo posto a Renga e non capisco davvero il perché della sua vittoria. Voto: 0
Raphael Gualazzi feat. The Bloody Beetroots: anch’io l’ho messa al secondo posto, divertente e originale anche se la presenza dell’uomo mascherato mi avrebbe indotto a una squalifica preventiva per inutile tasso di tamarraggine. Voto: 7
Renzo Rubino: chi? Voto: 0
Francesco Renga: le spettatrici che hanno sbavato tutta la sera sull’ex Timoria me l’hanno reso inviso. Canzone piaciona ma che non vale nemmeno la pellicola che avvolge il cd di Marco Mengoni. Voto: 0
Noemi: al solito il timbro no-future, questa volta però alle prese con un testo che non sono solo parole ma anche un po’ di spensieratezza. Solito giro di accordi tutto sommato gradevole. Nella mia classifica si piazza terza. Voto: 6.50
Perturbazione: una delle più belle canzoni mai sentite a Sanremo, perfetto mix tra pop, originalità e atmosfere indie. Resta il dubbio sul ruolo del violoncello e chi, dal vivo, suonerà le parti di Moog e di Theremin, considerando che non hanno un tastierista. A proposito, se vi occorre potete contattare me (ho comprato “In circolo” a un vostro concerto, appena uscito. Potete fidarvi.) Voto: 10
Cristiano De Andrè: dupalle, eh. Spiace per il cognome che porta, ma il patronimico nel pop non sempre è un valore aggiunto. Voto: 2
Frankie Hi-Nrg: niente di che, mi aspettavo grandi cose ma l’unica conferma che mi ha dato è che a Sanremo porta pezzi scadenti. Voto: 3
Giusy Ferreri: senza la produzione di Trentacoste, quello che suonava la chitarra ne “Il mare immenso” che è un pezzone, torna nell’anonimato non prima di aver sfoggiato un taglio di capelli da bulla di Bollate. Voto: 0
Francesco Sarcina: un po’ meglio del peggio ma senza nessuna vibrazione. Voto: 4
Giuliano Palma: il zillismo e i finti anni 60 hanno rotto il cazzo, lui pure, per di più con scelte armoniche – ascoltatevi la progressione finale di “Così lontano”- oltremodo discutibili. Voto: 0
Antonella Ruggiero: mi sono addormentato, ho apprezzato però il tormentone sui socialcosi circa la sua somiglianza con Robert Smith da vecchio. Voto: 2
Ron: imbarazzante. Voto: 0

Siete o non siete d’accordo?

28 commenti su “sanremo 2014, i vincitori amorali

  1. 😀 😀 😀 ma è vero… la Ruggiero gli assomiglia!! 😀 ma te pòssino far Sindaco de la tu zonaaaa.. 😀 Mitico +!

  2. A me, sinceramente, i perturbazione non mi hanno perturbato affatto. Ma penso che sia per una mia particolare indisposizione al festival. O forse perché in questo periodo ho qualche problema con la musica. Non so.

  3. Quasi. Io ho un debole di tenerezza per Cristiano De André, che sa scrivere e non sopporto Gualazzi (pregiudizio lombrosiano). Inverto questi due voti della tua personale e la faccio mia.

  4. d’accordo su tutto, soprattutto su Arisa, la sua canzone mi ha fatto pena…
    per, a me, la canzone di DE André è piaciuta abbastanza. E poi lo stimo, perché ha smesso di fumare 😀

  5. Quella di R. Sinigallia (ex tiromancino) secondo me era una delle più belle. Diciamo la mia seconda dopo i Perturbazione, in particolare ho trovato molto bello il testo. Inoltre erano belle quelle dei giovani, sia Zibba che The Niro e non male anche quella di Diodato.

  6. Che poi, Sanremo, l’abbiamo sempre pensato tutti, è lo specchio esatto dell’Italia, con al timone vecchi che pensano di essere giovani ma soprattutto giovani che non sanno di essere vecchi. Compresa Arisa.

  7. io ho la pessima abitudine di relativizzare tutto a seconda della situazione. probabilmente l’avessi sentita non a Sanremo, quindi in altro contesto, la reazione sarebbe stata differente

  8. è impossibile che tu sia nata nell’89, non credo esistano persone nate dopo il 1975, prova a ricontrollare sulla carta d’identità

  9. anche a me è piaciuto Sinigallia, non l’ho messa perché le regole sono regole. Diodato devo ancora sentirla, rimedierò al più presto.

  10. è troppo impegnativo, cinque serate di fila sono un vero e proprio lavoro di consulenza. L’anno prossimo ci organizziamo tra blogger, che ne dici?

  11. già, tutti vecchi dentro. Pure i perturbazione non sono proprio ragazzini, ma come dici tu rispecchiano gli adulti che con i capelli bianchi fanno ancora gli alternativi (come il sottoscritto ma non lo dire a nessuno)

  12. eh si, sono una personalità davvero unica e, soprattutto, indispensabile al mondo intero…
    ehmehm, non è assolutamente vero. È stato un anno importante solo perché in quell’anno Fausto Leali e Anna Oxa vinsero il festival con TI LASCERÒ!

  13. Sanremo sì, ma solo in quanto spettacolo commentato dalla Gialappa’s (quest’anno su RTL), più che come festival musicale dal livello discutibile.
    In genere simpatizzo per il cantante/gruppo che c’entra meno con il contesto, e quindi a ‘sto giro è toccato a Rifo/Bloody Beetroots, e per osmosi a Gualazzi. Ma l’Italia non era ancora pronta per la loro vittoria.

  14. Temevo risultassero fuori luogo i Perturba, invece alla fine sono sembrati sanremesi doc. Nessuno è ancora pronto per l’uomo mascherato, probabilmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: