alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

coca cola pepsi cola osso duro

C’era il mostro della focaccia, tumidelabbra, darkene e la sua inseparabile amica metadone. Poi chiappette d’oro, la broccolona (per lo sfoggio di una vistosa maglia con illustrazioni floreali) e la sconvoltona, Trudy, la pompa dai capelli rossi e vulgo, o donna del popolo, facile immaginare perché. Soprannomi simpatici e divertenti ma avevamo nemmeno vent’anni, facevamo l’università, e li coniavamo in condizioni che non vi sto nemmeno a raccontare, a partire dalle incette di Martini a 150 lire al bar della mensa tra una lezione e l’altra. Che invece un popolo adulto e maturo si ostini a ricorrere ai vari psiconano, Gargamella, ebetino di Firenze, il mortadella e il cicogna per definire nei propri commenti di persona o sui social network i potenti, con l’obiettivo di reiterare un disprezzo verbale attraverso la convenzione di un nomignolo definito a priori da tizio o caio mi fa vergognare per tutti voi che vi sforzate ad adottare questi standard di comportamento come gli adolescenti che devono ostentare modelli preconfezionati per rendersi riconoscibili al gruppo. Inutile dire quanto la moda sia diffusa tra i ranghi a cinque stelle per compiacere gli stakeholder della casaleggio e associati e darsi di gomito su Facebook nel sottobosco militante dell’apparato cospiratore. Riesco a immaginare l’espressione compiaciuta con tanto di sorrisino idiota e occhietto di chi ha sgamato il complotto mentre si usa il riferimento metaforico tra la massa di sostenitori. L’ebetino di Firenze, roba da scompisciarsi, poi mi immagino il grillista del caso che ti si mette dietro, ti punta il ginocchio sul sedere e ti chiede “Ci credi ai giganti”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: