alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

give synth a chance

Il Moog e il suo suono che ha reso celebre l’impiego dei synth monofonici nel rock, che è quello del tema di “Impressioni di settembre” o di “È festa” della PFM, per intenderci, è un fenomeno che ha avuto alti e bassi di fedeltà sonora ed è stato soggetto alle mode del momento come altre usanze legate all’esecuzione musicale. Il basso in slap, la batteria Simmons, il falsetto maschile, la dodici corde. Ma la storia di quel timbro alla Moog, che chiamerò così per semplificazione considerando che, con le dovute distinzioni, può essere riprodotto indipendentemente dalla marca della tastiera, è forse una delle più tristi dell’oscurantismo estetico in campo artistico, pari quanto alla larghezza dei pantaloni sulla caviglia che ai tempi in cui comunque acquistarne un paio secondo la moda era troppo più dispendioso che far intervenire una zia o un mamma o una nonna sarta, e si correva di volta in volta a richiedere l’apporto manuale a seconda di quanto il codice dell’abbigliamento, per non essere a rischio emarginazione sociale, imponeva, implorando di non tagliare stoffa ché non si sa mai.

Così per il timbro alla Moog. Prima tutti lo volevano perché c’era il rock progressivo, poi basta suoni giurassici che riportano ai dinosauri della musica perché nel post punk guai a usarlo, poi no aspetta c’è il revival 70 corri subito a prendere il Moog in cantina, poi dai che Jamiroquai lo usa a manetta, cavolo l’ho appena venduto, che importa ricompralo senza badare a quanto costa ma tra il pubblico c’è sempre qualcuno che non capisce che il trend è quello lì e ti accusa di suonare i Genesis fuori contesto, poi basta acid jazz che ha rotto il cazzo ma non mettere via il synth perché i Prodigy addirittura si chiamano come un modello di synth e ma come fai a girare con uno strumento così delicato che tanto ci sono i virtual synth e allora aspetta che mi compro un Mac portatile così posso fare tutti i suoni che voglio e ora di nuovo basta così, grazie, il puoi riportare il Moog o quello con cui lo suoni in cantina che in questo momento per fare le cose che si sentono in generi zarri come il dubstep ci vuole ben altra potenza. Ecco, se io fossi un Moog con tutti questi tira e molla mi offenderei e farei uno sciopero dei circuiti. Basta, ora fatevi i suoni giurassici da dinosauri del rock con la bocca, per non dire di peggio.

Un commento su “give synth a chance

  1. E venne anche l’OscAr … impossibile da usare. Lo utilizzavamo per creare tappeti di suoni senza sapere cosa facevamo. Ma non dovevi aver studiato per ottenere un minimo risultato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: