che tempi

Standard

Ognuno di noi ha amato e segue tutt’ora i New Order per i motivi che vuole, a partire dai ridotti gradi di separazione che si interpongono grazie a loro tra noi e i Joy Division fino al modo discreto con cui hanno usato l’elettronica in tempi i cui con i suoni sintetizzati c’era chi ci andava giù pesante. Io trovo unico il timbro di voce di Bernard Sumner mentre non sono mai stato un sostenitore del loro modo di usare la drum machine. Troppo morbido per i miei gusti, tanto che un po’ provocatoriamente sono pronto a dichiarare che il mio brano preferito dei New Order sia “Out of control” che come sapete è dei Chemichal Brothers con solo la voce dei New Order, e quando lo dico poi i miei interlucotori sbigottiti mi chiedono se ne sono sicuro e cercano di farmi ragionare ricordandomi “Blue Monday” e allora tutte le mie convinzioni vacillano. Sono molto legato anche a “True faith” anche se, ascoltandola ora, la trovo ingiustificatamente troppo lenta – ai tempi si ballava con quel BPM lì medio – e mi chiedo che ne sarebbe se qualcuno provasse ad accelerarla un po’. Giusto un tentativo, eh, niente di serio.

2 pensieri su “che tempi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.