la formula è (solo una terapia)x34

Standard

Ai tempi delle affinità e divergenze tra il compagno Togliatti e noi del conseguimento della maggiore età non esistevano i testimania e azlyrics che ci sono oggi, fondamentalmente perché non c’era nemmeno l’Internet, così per imparare a memoria o seguire i testi oltre a consumare i solchi dei vinili l’unica via facilitata erano i canzonieri e gli spartiti che, però, costavano un occhio della testa. Senza contare che i CCCP ancora grazia che facevano i dischi, figuriamoci rientrare in una pubblicazione che la cosa più trasgressiva che aveva in catalogo erano i Nomadi di cielo grande cielo blu.

E nel caso dei testi di Ferretti l’ascolto ripetuto non aiutava nella comprensione delle parole, un po’ per i testi stessi, un po’ per il suo modo di parlare sui pezzi, un po’ per il missaggio che teneva la voce molto in secondo piano rispetto a come siamo abituati a percepire i cantanti. Ai tempi andava di moda giustificare questa scelta dicendo che in fondo la voce è uno strumento come gli altri. Un cazzo, permettetemi la finezza. Se mettessi le mani io sulle bobine di quel disco lì dei CCCP alzerei la traccia della voce di almeno un paio di tacche per evitare ai posteri le figuracce che facevamo noi con le ragazze intellettual-alternative fraintendendo la maggior parte del significato dei brani tanto che ci era impossibile sia scriverne i passaggi correttamente sul diario o sui banchi di scuola, sia cantare le canzoni ai concerti senza gli sguardi divertiti delle persone intorno. E non mi riferisco a un pezzo come Allarme, in cui Ferretti è talmente basso prima del (diciamo) ritornello che non sembra nemmeno dica cose di senso compiuto. Sempre che ne dicesse, eh. Poi è arrivata la rete a salvarci, e da allora è stato possibile con un clic accedere agli astrusi testi di Ferretti e vi assicuro che le divergenze con l’originale erano molto di più di quelle che ci immaginavamo e, soprattutto, con il compagno Togliatti. Qualche esempio?

(quello che io capivo e cantavo/che cosa dice il testo)
traccia 1: CCCP

Ricordati la pelle, organizzata/Come una malattia della pelle localizzata
ogni limitudine e chanche, un disturbo residuo/Ogni irripetibile chance un disturbo residuo
Pravda, Rude Pravo, Tribuna Ludu, KGB
un altro te, un uomo nuovo/Altroché nuovo nuovo
sensazionale, aspettare per l’occasione propizia/Sensazionale afferrare l’occasione propizia
indicati da una crocetta, la qualità la qualità desiderata/Indicare con una crocetta La qualità, la quantità desiderata
fedeli alla linea, CCCP, SSSR
fedeli alla linea, la quale non c’è/Fedeli alla linea, anche quando non c’è
quando uno è malato, quando muore, o è dubbioso, o è depresso/Quando l’imperatore è malato, quando muore o è dubbioso o è perplesso
fedeli alla linea, la linea non c’è
fedeli alla linea, CCCP, SSSR
un altro te, un uomo nuovo/Altroché nuovo nuovo

traccia 3: MI AMI (la parte veloce)
sei bello allucinato, la situazione estrema/Io attendo allucinato la situazione estrema
non hai un bisogno liquido ti vende la tua pelle/Un grande sogno nitido chiedendo alla tua pelle
se accusi il barbiere un’amorosa quiete/Con dita di barbiere un’amorosa quieta
sfioranti come a caso con l’aria imbarazzata/Sfiorarti come a caso con aria imbarazzata
la costola pesante, devolvo la pensione/Atmosfera pesante, elogio alla tensione
tranquillità assoluta

un rapimento, un’estasi
sul punto delicato
questa non è una dialettica fragile e leggera/questa non è una replica facile e leggera
non è una mossa tattica
mi ami?

un’affinità elettiva o quale futuro/L’affinità elettiva è orfana di futuro
oscuri i progetti se gradisci la quiete/Disturba i progetti, rapisce la quiete
spera i posti sospeso/Svela i conti in sospeso
accarezzati il sogno/accarezzati in sogno
in tempo scassato che gira, rigira/in un tempo spezzato che gira, rigira
ritorno all’inizio
non vuole finire
mi ami?
smettila di parlare, avvicinati un po’

traccia 5: Valium Tavor Serenenase
Il Valium mi rilassa
il Serenase mi stende/Il Serenase mi distende
il Tavor mi riprende
cerchi l’energia/C’è chi mi dà energia
e chi la porta via

e voi cosa volete
dite cosa vi fate/Di che cosa vi fate?
dov’è la vostra pena
qual è il vostro problema
perché vi batte il cuore
per chi vi batte il cuore
meglio un medicinale che una storia infernale/Meglio un medicinale a una storia infernale
meglio ti batte i nervi o dei più batte i nervi/Meglio giornate inerti o dei capelli verdi
eppur tutto va bene, va tutto bene/Eppur tutto va bene, va proprio tutto bene
malgrado l’appetito il Valium per dormire l’ho finito/Manca un po’ l’appetito e il Valium per dormire l’ho finito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.