alcuni aneddoti dal futuro degli altri | 01.09.15

Standard

Ondarock, “Foals – What Went Down”: A distanza di sette anni dal pop mutante e un po’ acerbo di “Antidotes”, la band originaria di Oxford è riuscita a delineare un vero e proprio tratto distintivo, quel mood sonoro del tutto personale capace di differenziarla egregiamente dalla massa. Il cammino intrapreso fino al qui presente “What Went Down”, quarto disco in sette anni, è stato tanto articolato, quanto a tratti coraggioso, soprattutto nel recente e delicato passaggio dall’ambizioso e talvolta sfuggente “Total Life Forever” al più immediato “Holy Fire”.

chi ha paura di virginia woolf?, “Quelle bambine bionde”: Quanto dura la stagione della svagatezza e dell’ignoranza – se per ignoranza si intende il vivere leggero e in maniera consona alla virtù primordiale della verginità d’animo e di cuore, all’incorruttibile senso di fanciullezza – poiché basta un nulla a stringerti d’assedio?

carta resistente, “Nuovo concorso: gli Incipit più belli”: Con una serie di prime parole che si condensano in brevi frasi che formano una piccola ma esaustiva tranche d’avvio, l’incipit ci consente di individuare se il volume che vorremo o pensiamo di leggere ha il carattere necessario a soddisfarci, aprendo le porte al nostro interesse (e per il fatto che sono poche righe, sono poste nell’impaginazione del libro sempre a portata di mano diventando la prima cosa che troviamo quando lo sfogliamo).

Linkiesta, “20 anni di Foo Fighters: la vera vita di Dave Grohl, dopo i Nirvana”: Storia di un album ideato e suonato da Dave Grohl, che anticipò e diede il nome a una delle più grandi rock band degli ultimi anni.

Una Lettrice, “Decluttering dei sentimenti di rabbia e dolore nei confronti dei componenti della vostra famiglia d’origine”: La famiglia, intesa come il nucleo famigliare comprendente sia genitori, sorelle/fratelli figli e zii ma anche il nucleo di amici più stretti, si sta rivelando, sotto questo cielo di agosto, per quello che è davvero. Legami antichi e indissolubili splendono, sotto il sole, come oro lucente e la famiglia delle dodici anime si sta piano piano rivelando. Altri legami, basati sul bisogno, ipocrisia, sull’apparenza e sul senso di colpa, scricchiolano, si scontrano, arrivano ai ferri corti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.