alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

quella sottile sensazione di appagamento che si prova osservando in silenzio ambienti vuoti

Nelle foto piccole non vi riconosco mai, ma sarà un mio problema di vista. Se poi nello spazio dedicato alle foto profilo che già sono minuscole mettete le vostre foto ancora più piccole e magari nemmeno in primo piano e per giunta lasciate intorno della cornice, potete stare sicuri che nessuno vi trova e chi vi trova pensa a quanto siete imbranati con il computer, se non siete nemmeno buoni a dimensionare un’immagine a seconda di quanto vi viene chiesto o a tagliarla in modo che non ci sia spazio intorno. Comunque se non siete capaci non è la fine del mondo e potete chiedere aiuto a qualcuno. Io non so usare il trapano, per dire, così mi avvalgo della consulenza di un vicino di casa. Ho appena terminato un lavoro nel box per il quale ho usufruito della sua manualità. Pagando, naturalmente. Mi ha costruito un sistema di mensole e ora posso conservare cose che invece dovrei gettare all’ennesima potenza. Io gli passavo i fischer, l’avvitatore e i vari strumenti e lui di rimando faceva e al contempo mi raccontava i pettegolezzi sugli altri condomini. Ma se siete lupi o lupe solitarie vi consiglio quell’apparecchietto per cui guardi le cose da fare e le cose si fanno da sole. Ce ne sono di varie marche, su Amazon sono sbarcati persino gli immancabili produttori e distributori dell’estremo oriente a prezzi stracciati e, badate bene, non è detto che la qualità lasci a desiderare. La morale è che non bisogna fare gli sbruffoni – che tra l’altro al mio vicino aggiusta-tutto non gli vanno a genio – e che non c’è niente di male a chiedere dei favori, anche dovendoli retribuire. In cambio offro consulenza su cose inutili. Ma a parte qualche dritta sul situazionismo o sulla scrittura più adatta ai social network, argomenti di cui mi capita di discutere sempre più di rado, raramente vengo interpellato per qualcosa. Solitamente sono io quello che ascolta e lascia sfogare le personalità altrui, a me è sufficiente venire qui e godere delle mancanza di contraddittorio, oltreché di lettori.

2 commenti su “quella sottile sensazione di appagamento che si prova osservando in silenzio ambienti vuoti

  1. Scusa eh, ti sei dimenticato le consulenze in fatto di musica, non so!
    Io neppure so usare il trapano, questo è un problema…
    Ciao Plus, buona giornata.

  2. Ecco Io il trapano lo uso e riesco a dimensionare le foto profilo, ma una consulenza te l’ho chiesta lo stesso e io dico che unire competenze migliora tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: