i napoletani hanno la memoria corta

Standard

Era dai tempi di “Nun te scurdà” che non si sentiva una canzone in dialetto così bella. Ma non è solo l’eccellente qualità che accomuna e crea un filo conduttore tra uno dei pezzi italiani più toccanti di tutti i tempi (contenuto in uno degli album italiani più riusciti in assoluto che è “Sanacore”) e “Tu t’e scurdat’ ‘e me” di Liberato, e non mi riferisco al tema della memoria presente in entrambi i titoli. Si dice che “Tu t’e scurdat’ ‘e me” sia un pezzo trap ma a me sembra un reggae a tutti gli effetti, anzi pervaso dalla stessa raffinatezza con cui lo hanno suonato gli Almamegretta che nel loro stile non hanno mai appesantito gli strumenti in levare. Provate a sentirli in sequenza “Tu t’e scurdat’ ‘e me” e “Nun te scurdà”, uno dopo l’altro, e mi darete ragione. Il mio sogno è quindi quello di vedere il pischello Liberato che canta i suoi pezzi accompagnato da quei matusa della band di Raiz e vedere sotto il palco l’effetto che fa. Chiudiamo gli occhi e immaginiamocelo tutti, magari il sogno si avvera.

Un pensiero su “i napoletani hanno la memoria corta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.