figli con il guscio

Standard

Trovo decisamente estenuante questo rilascio lento e continuo di nuovi rientri alla normalità che si protrae ormai dallo scorso anno. A pochi giorni dal raggiungimento della data indicata come termine per una ripartenza della vita che si faceva prima della pandemia, o almeno con qualcosa che le somigli, ecco un nuovo decreto che la sposta più in là di qualche settimana. Non ne faccio un problema di riaperture, non è questo il punto. Non si fa prima a dire che saremo costretti a restare barricati in casa fino a dicembre 2021 o a giugno 2022 e non se ne parla più fino ad allora? Se poi le cose miglioreranno in fieri, tanto di guadagnato. A cosa dobbiamo questa scarsa lungimiranza celata sotto una superflua veste di ottimismo fuori luogo e regolarmente disilluso? Questo protrarsi di mete che si allontanano quando le abbiamo a portata di mano sembra una sorta di campionato mondiale di paradossi di Achille e della tartaruga. Noi andiamo spediti come il piè veloce ma la posta in gioco – lenta come una quaresima – ha sempre quel pezzettino di vantaggio in più che ci lascia con un pugno di mosche. Conversavamo giusto con mia figlia a proposito di quanto i paradossi fossero stronzate a pranzo, qualche giorno fa. Mia moglie era fuori per lavoro e lei era reduce dalle sue cinque o sei ore quotidiane di videolezione. Zenone a parte, ci siamo soffermati sulla storiella dei gemelli e della navicella spaziale, avete presente? Ci dicevamo che è una teoria che non ha senso: noi invecchiamo perché abbiamo un timer interno il cui avanzamento è determinato da un meccanismo programmato dal nostro organismo e non da un sistema universale. Qualcuno dovrebbe provare a mandare nello spazio un forno, altroché cagnette che poi chissà che fine fanno. Mettete un forno su un razzo, impostate il timer su venti minuti – più o meno quanto ci mette a cuocere la pizza fatta in casa – e vedrete che il campanello suonerà nello stesso momento sia sulla terra che su Marte. Che poi mia figlia è bravissima e il paradosso è proprio che sta tollerando questo furto della sua giovinezza in un modo encomiabile.  Anzi, se vogliamo fare una similitudine, la vita è Achille e i ragazzi come lei sono le tartarughe, persone che si portano la casa in cui sono reclusi sul gobbone e, quando la vita se li riprenderà, che riescano a liberarsene è tutto da vedere. O forse Zenone aveva ragione e le tartarughe saranno sempre un pelo più in avanti per non lasciarsi mai raggiungere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.