in famiglia siamo tutti degli artisti

Standard

“In famiglia siamo tutti degli artisti” è il testo dell’adesivo più in voga del momento, una sorta di tormentone estivo appiccicato sul portellone posteriore delle automobili che sta prendendo il posto delle silhouette degli occupanti del veicolo con il nome sotto e che però consentiva, ai più curiosi, di stanare le scelte più bizzarre per chiamare figli e animali domestici. Per puri scopi statistici ho fatto un giro nel parcheggio della Coop per capire quanto questa moda stia prendendo piede. Non vi faccio vedere i miei appunti ma fidatevi, prima o poi li pubblicherò dopo averli ordinati. Ero lì con il Tenente Colombo perché aveva appena terminato le riprese dello spot, quello in cui cerca il cane che si perde nei magazzini della Coop e così tempesta di domande – pura deformazione professionali – commessi e operatori per sapere dove vanno a prendere quella frutta così buona. Nella pubblicità della Coop fa pure una comparsa Mario, il marito di Enrica, quello che si è tatuato il numero 10 di Maradona sulla schiena a grandezza naturale, proprio come se fosse una maglietta tessuta di pelle umana. Sono queste le considerazioni che mi hanno fatto pensare che, in fondo, è vero quello che si dice sull’adesivo di cui parlavo prima. In famiglia siamo tutti degli artisti, e prima o poi ci ritroveremo in un’occasione come quella, proprio come è capitato a me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.