Spazio Pour Parler

da cosa nasce cosa

A vedere bene come le stanno le cose c’è solo un dettaglio che stona tra i partecipanti alla riunione. Il dettaglio sono io perché sono l’unico che tra tutti non ha la cravatta. E meno male che sono lì seduto al tavolo già da un po’ e da prima che arrivassero gli altri, io sono uno di quelli che si presenta con abbondanti quarti d’ora di anticipo senza contare che sono anche quello che guadagna meno – questo in tutti i contesti professionali a cui sono stato invitato a partecipare per fornire il mio apporto – e che ha un’importanza come si suol dire meno business critical o strategica, fatto sta che gli altri che sono professionisti che contano arrivano alle riunioni quando cazzo pare a loro. Ma con la cravatta.

Dicevo che meno male per tutti questi motivi che ero seduto al tavolo quando sono entrati tutti gli altri perché altrimenti si sarebbero notati i miei pantaloni di una marca non-marca acquistati al supermercato e le snickers non-snickers, quelle sì di marca ma che dimostrano tutte le cinque o sei doppie stagioni che hanno trascorso ai miei piedi deformi. Essendo scarpe né troppo calde né troppo fredde rendono il loro onesto servizio nei periodi intermedi, prima dell’estate e prima dell’inverno, quindi in due occasioni per un totale di un paio di mesi l’anno come minimo. Quella che una volta veniva chiamata mezza stagione e che oggi, e non sono l’unico a sostenerlo, non esiste più. Nemmeno qui dove una volta era tutta campagna.

E in quell’ambiente di lavoro che è irrimediabilmente maschile perché dall’amministratore delegato all’ultimo dei commerciali si perpetua una tradizione che vuole nell’ICT quello un po’ babbione, molto b2b e per nulla consumer ma fatto di gestionali e business intelligence soltanto vertici virili e donne relegate al centralino, alla reception, al segretariato e al supporto marketing che è addirittura più segretariato di quello che prevede la prenotazione di voli e alberghi per la trasferta e l’acquisto dei regali di anniversario di nozze per le mogli dei manager. In quel meeting di poteri trasversali il fatto che ci sia un fornitore per giunta vestito da sfigato come me crea una funzionale valvola di sfogo dalla quale far defluire le tensioni in cui si manifestano le prove di forza tra colleghi, la versione incravattata di una rissa da angiporto dove al posto delle testate sul naso ci si colpisce a dati di fatturato per settore aziendale. E meno male che quello che poi io dovrò trasmettere all’esterno in belle parole di quel ginnasio di competizioni è che la società con il nuovo corso è una. Anzi, uan, come dicono loro agli investitori.

Ecco, questo è il quadro ed è descritto così apposta per far sì che le vostre simpatie vadano per l’unico senza cravatta (la camicia però ce l’ho, sia chiaro, in cotone fair trade della Coop comprata al cinquanta per cento nei saldi e pagata dodici euro e rotti) la cui partecipazione al consesso in oggetto è a dir poco superflua. E cioè me. Il vostro beniamino. Ma mentre sono lì e nessuno sembra dare molto peso alla mia casualfridayness penso a come starei conciato così, così come quelli per l’ascolto dei quali percepisco uno stipendio, perché non riesco proprio a trovare tra tutti quelli che vedo lì raccolti uno stile a cui potrei adattarmi. Con il mio fisico poi.

Quello meno peggio – secondo i miei canoni fermi al parka, jeans e anfibi – è seduto di fronte a me, ha uno spezzato con pantalone grigio scuro, giacca di una trama grigio chiaro-bordeaux, cravatta bordeaux su camicia classica azzurra e francesine testa di moro. Ecco, penso, domani vado dove so io e mi compro un abito così, di sicuro non sfigurerei in un ambiente come questo. Perché una volta era così. Da ragazzi ci si vestiva in un modo, da adulti in altro e non c’erano punti in comune e quando c’erano era perché c’era qualcosa che non andava. Ora non è più così, almeno nei posti come questi in cui non c’è nessuno che me lo fa notare.

Poi la riunione finalmente si conclude, e si interrompono le sfide subdole tra chi vuole mantenere il proprio spazio e le provvigioni a cui ha fatto presto ad abituarsi. Tutti si involano perché il loro tempo è più prezioso del mio, la sala resta vuota e posso alzarmi senza vergognarmi di quel campionario del mio guardaroba perché sono rimasto solo. Raccolgo quelle poche cose che ho usato per far finta che le posizioni che gli altri sostenevano erano di mio interesse, mi faccio restituire il documento di identità dalla receptionist e già varcata la porta di uscita capisco che acquistando uno spezzato come quello che ho visto prima non risolverei nulla, perché dovrei averne almeno due, avere un ricambio per quando uno è da portare in tintoria. Già, la tintoria.

14 pensieri su “da cosa nasce cosa

  1. Prova a essere donna, stare davanti ad una platea di tracotanti chirurghi ed essere una semplice biblotecaria che non solo guadagna un sesto del loro stipendio ma nemmeno sei laureata. E la tua direttrice tanto se ne vergogna che ti introduce ugualmente come D.ssa che se no perdi di credibilitá. Allora un tacco alto aiuta ma di piú essere lí a spiegargli come portarsi a casa soldi con le regole che solo tu conosci… Decissmente parteggio per te.

  2. Brividi. E io che se voglio occasionalmente svolgere il mio lavoro in ambito professionale qui in Italia devo confrontarmi costantemente con osservazioni e comportamenti maschilisti al punto tale che se davvero voglio fare quello che faccio non posso che appartenere alla categoria “lesbica e camionista”? Vaglielo a spiegare che nel resto d’Europa… Per inciso, direttore di fotografia (perché il termine “direttrice” non è previsto), mica che.

  3. Fortunatamente ho sempre frequentato ambienti più o meno informatici e quindi più o meno informali: paradossalmente se ti vesti in giacca e cravatta in quei contesti, si capisce che non vali un ca..o. Il vero nerd IT indossa jeans, simil-Converse e magliettina Motorhead perché deve stare comodo quando si piega sotto un tavolo per verificare se la lucina sulla scheda di rete lampeggia o è l’hub che non funziona. In giacca e cravatta stanno i commerciali, che devono essere credibili non per quello che fanno ma per quello che dicono, che è tutto gonfiato, ma l’importante è che si presenti bene (lui e il discorso gonfiato).

  4. Snikers, pantaloni e camicia oviesse, niente cravatta, sensazione di inadeguatezza, non so perchè ma certe volte riesco proprio ad immedesimarmi in quello che scrivi.

  5. già, la tintoria. una come me, che siccome fa la grafica, e siccome non ha nessuna intenzione di rinnegare se stessa, continua a mettersi all stars e jeans sbiaditi anche quando tutte le altre grafiche ormai vanno di tacco zeppato, la tintoria non sa nemmeno cos è , anzi sì, quel posto dove in primavera porto il piumone.

  6. … per creare un neologismo, certo! -ness si aggiunge principalmente agli aggettivi qualificativi: sad / sadness happy / happiness … short /shortness e via così. Dall’aggettivo al sostantivo passando da -ness.
    Ciaooo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.