alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

se l’è portate via

Le festività natalizie si fa presto a farle e disfarle, finiscono senza che uno abbia tempo di posizionare i Re Magi davanti al bambinello in maniera credibile, figuriamoci se le tre autorità straniere riescono a consegnare i loro presenti e a godersi un po’ di ospitalità nella capanna. In quattro e quattr’otto spariscono fasciati nelle pagine di un quotidiano, chiusi nella scatola da dove vengono estratti ogni anno insieme ai protagonisti e alle comparse di questa sceneggiatura che si ripete uguale e si mette in scena solo perché c’è una bambina che si diverte a organizzare il gioco delle parti, allo stesso modo con cui si inventa momenti di vita quotidiana con quel simulacro di umanità che sono i Playmobil e tutti i loro accessori da tedeschi. Per non parlare dell’albero sintetico e relativi addobbi. Il kit per la tradizione casalinga, finché resistono il fascino e la magia dei corrieri soprannaturali e delle consegne puntuali senza tracking online, torna giù in cantina, tanto è questione di una cinquantina di settimane che è già il tempo di riallestire il tutto. E al momento di archiviare il Natale ho sempre paura che mia figlia possa rattristarsi, il ritorno alla vita normale fatta di scuola e sport e compiti può costituire uno shock. Ma si tratta di un timore infondato. Lei non ha fatto una piega. Io invece mi guardo intorno e noto quegli spazi vuoti, il piano della libreria usato come location del flash mob sulla natività ospita di nuovo libri e la gallina salvadanaio, al posto dell’abete in plastica c’è la mia poltroncina anni 50. Ed è facile scoprire l’identità dell’unico sensibilone che, ai titoli di coda, si lascia cogliere dalla malinconia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: