alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

atti scemi in luogo pubblico

Una volta si diceva che sfigati voi che non uscite di casa, mentre rimanete lì chiusi a farvi le pippe mentali noi si va fuori a divertirci, a conoscere gente, a fare politica, a vedere posti, a fare shopping, a corteggiare ragazze interessanti (questo si diceva non proprio così), a sentire buona musica, a vedere film impegnati. Oggi è l’opposto, si dice che sfigati che siete voi che uscite e andate a farvi le pippe mentali in giro, noi si resta a casa a divertirci, a fare networking, a discutere sui blog di politica, a viaggiare con googleearth, a fare acquisti online, a corteggiare ragazze interessanti sui social network (questo si dice non proprio così), a condividere buona musica e a scaricare film impegnati. È cambiata la prospettiva, ci si è anche un po’ impigriti, e chi non si vuole sbilanciare sostiene con fermezza che ci sono i pro e i contro. Ma è la sintesi dei due punti di vista che genera mostri, perché trattandosi di due modelli così differenti è inevitabile che uno prevarichi sull’altro. Quindi tutta la potenza del più recente, il piano che i più chiamano erroneamente virtuale, si manifesta fuori di sé attraverso il primo, che i più chiamano reale, e assume varie forme grottesche, come l’affermarsi del popolo di Internet o, nel peggiore dei casi, cose così.

2 commenti su “atti scemi in luogo pubblico

  1. La tua riflessione è realistica, ma nonostante le opportunità tecnologiche varie ed eventuali, io credo che il contatto umano non tema confronti. Meglio uscire di casa. Sempre e comunque! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: