pictures of you

Standard

Immaginate di scartabellare in una di quelle scatole in cui finiscono le cose alla rinfusa che poi è bello ritrovare anni dopo, tra floppy da 5,25 pollici e cartoline inviate a mamma e papà da località di villeggiatura durante le prime vacanze con gli amici per poi essere destinate all’oblio di lì a poco perché mittente e destinatario alla fine coincidevano. Ma valgono anche le lettere di fidanzatine e i biglietti di concerti. Diari scolastici zeppi di ritagli di Ciao 2001 e Rockstar e qualche spilletta recante un’icona o un’ideologia oramai superata. Ecco, non vi è mai successo di affrontare il problema di chi metterà le mani su quel patrimonio di ricordi tra trenta, quaranta, cinquant’anni, quando magari non ci saremo più? Toccatevi pure e fate i dovuti scongiuri, ma poi riflettete un secondo solo su un aspetto che mi è capitato di considerare, qualche tempo fa. Mi sono ritrovato sottomano una foto di un nonno di un amico di famiglia, un mio coetaneo, vestito con una di quelle uniformi di fortuna messe insieme a caso dai partigiani come lui. In posa con altri combattenti, tutti con armi diverse. Pistole e mitragliette probabilmente prese a qualche nemico o invasore caduto in battaglia. Ma non voglio andare a parare sempre e solo lì, sulla Resistenza. No, perché anche se non è il mio caso, i miei nonni erano contadini e dubito che abbiano in qualche modo partecipato alla liberazione, ho pensato al modo in cui si giudicano i ritratti dei nostri antenati. E cioè che noi mostriamo con orgoglio le foto dei nonni partigiani, mentre i nostri nipoti si vergogneranno delle nostre da giovani, in cui siamo conciati come i Cure.

10 pensieri su “pictures of you

  1. Io ci penso spesso visto che sia io che mio marito siamo la memoria storica delle nostre famiglue. Conservismo gelosamente cimeli e foto delle nostre famiglie fi origine e ne accumuliamo dri nostri. Ma le mie foto degli anni ’80 sono decisamente meno seducenti di quelle rare immagini di nonni e bisnonni

  2. Anch’io ci penso. E penso che i miei pronipoti (se ne avrò), semplicemente, si limiteranno a buttare tutto quello che io, ora, conservo gelosamente della mia vita. E il pensiero, è questo il bello, non mi disturba più di tanto, anche se io, proprio io, sono così attaccata ai miei ricordi, e colleziono di tutto, anche il biglietto del treno di anni fa di quella volta che ho saltato la scuola con le amiche per andare in giro – e altre scemenze del genere. Penso che alla fine è anche giusto così: quelle foto, quegli oggetti, cesseranno di avere importanza quando io non ci sarò più. E anch’io, dovrei essere meno attaccata alle cose, agli oggetti, perché appunto sono solo cose, solo oggetti. L’importante è altro.
    (Sono andata fuori tema, sì.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.