il numero uno delle scarpe online

Standard

Pensate se l’evoluzione del marketing seguisse le tecniche di quello digitale che quando ti soffermi a valutare un paio di scarpe stringate in camoscio marrone su un sito poi è tutto un proliferare di scarpe stringate in camoscio marrone. Scarpe stringate in camoscio marrone nella pagina della posta, scarpe stringate in camoscio marrone nella home di Facebook, scarpe stringate in camoscio marrone ai lati dell’articolo di giornale, scarpe stringate in camoscio marrone stampate sul banner del sito in cui cerchi la corretta rappresentazione della relazione tra due insieme disgiunti per i compiti di prima media di tua figlia. Succede che poi di scarpe stringate in camoscio marrone non ne puoi più e sicuramente esisterà un sistema per mettere un argine a questa sovraesposizione compulsiva pensata da un sistema diabolico ma volta al tuo compiacimento per sfinimento. Magari un controllo che al ventesimo advertising dello stesso prodotto di scarpe stringate in camoscio marrone basta, non passa più e si torna a vivere sereni fino a quando tua moglie cerca una felpa blu con cerniera per la bambina e tutto riparte da capo con le felpe blu con cerniera che te le sogni pure di notte, fino alla ricerca successiva.

Provate quindi a proiettare questa tecnica sulla pubblicità diciamo tradizionale, quella che non notate più sui cartelloni perché non è abbastanza coinvolgente come quella tutta scatti, faccine e volumi che si alzano a tradimento durante una qualunque navigazione in internet. Provate a far finta che soffermarvi davanti a una vetrina per sbirciare il prezzo inarrivabile del cappotto imbottito e impermeabile poi generi le stesse conseguenze. Vi passano appresso una serie di persone che indossano quel cappotto e che ammiccano come a dire “sono bello, vero? Potresti essere anche tu così. chiedimi come”, il vigile urbano all’incrocio vi lascia libero l’attraversamento sfoggiando ancora quel modello ma in versione forze armate, acquistate Repubblica e la foto di Renzi in prima pagina non lascia dubbi sulla condivisione dei gusti in fatto di abbigliamento, ha proprio lo stesso cappotto e la cosa prende una piega sempre meno piacevole. Fino a quando in ufficio numerosi vostri colleghi sfoggiano lo stesso modello che vorreste acquistare riponendolo sull’appendiabiti con il cartellino del prezzo ancora attaccato all’asola del bottone, poi arriva il ragazzo del bar a portare la colazione all’amministratore delegato e ha lo stesso capo (nel senso del cappotto, che cosa avevate capito) coperto da un grembiule per evitare le macchie dello zucchero a velo, e via così fino ad arrivare a sera che, se siete come me, di quel cappotto ne avete fin sopra i capelli ma non è niente perché la mattina dopo è la volta di un avvitatore automatico a batterie completo di punte da trapano e vediamo, alla lunga, che cosa rimpiangerete.

5 pensieri su “il numero uno delle scarpe online

  1. Io non ho tutta questa pubblicità.
    Primo: installare adblock plus.
    Secondo: impostare il browser per cancellare i cookies alla chiusura della sessione.
    Terzo: non fare ricerche quando si è loggati con gmail/yahoo.mail/outlook. Usare un mailer.
    Quarto: non usare facebook.

  2. Sarà un mese che mi perseguitano le pubblicità di stivaletti da donna autunnali. Giuro che non lo faccio più, è stata una debolezza di pochi secondi, so che ho sbagliato, adesso vi prego basta.

  3. finiremo con l’annegare in noi stessi. fanculo il web personalizzato che mi impedisce di andare oltre me stessa e fanculo il correttore ortografico che scrive fanciullo al posto di fanculo.
    FANCIULLO!!! Ahahaha!!!! 😀 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.