le venticinque canzoni di Bowie che metterei in repertorio se suonassi in una tribute band di Bowie

Standard

Intanto sgomberiamo subito il campo da qualsiasi dubbio e mettiamo le cose in chiaro:

#1 Scary Monsters (and Super Creeps) (1980)
#2 Low (1977)
#3 Heroes (1977)
#4 Lodger (1979)
#5 Hunky Dory (1971)
#6 Station to Station (1976)
#7 Blackstar (2016)
#8 Aladdin Sane (1973)
#9 The Next Day (2013)
#10 Let’s Dance (1983)
#11 Heathen (2002)
#12 Outside (1995)
#13 Earthling (1997)
#14 Diamond Dogs (1974)
#15 Young Americans (1975)
#16 Hours (1999)
#17 Black Tie White Noise (1993)
#18 The Man Who Sold the World (1970)
#19 The Rise and Fall of Ziggy Stardust and the Spiders From Mars (1972)
#20 Tonight (1984)
#21 Space Oddity (1969)
#22 Reality (2003)
#23 Pin Ups (1973)
#24 Never Let Me Down (1987)

una lista in ordine dell’affetto che provo per i suoi dischi e non me ne vogliate, tanto stiamo comunque parlando di cose dell’altro mondo quindi se il vostro beniamino si trova in coda si fa presto a dimostrarne, comunque, il valore.

Detto ciò, nell’ultimo anno – il primo senza di lui – mi sono chiesto quanto possa essere difficile scegliere dei suoi pezzi per metter su un repertorio, considerando la vastità della scelta, la varietà degli stili, la difficoltà stessa insita in certe sue canzoni, complice il fatto che con Bowie ha suonato il meglio dei musicisti di ogni epoca, da Rick Wakeman a Brian Eno fino ad Adrian Belew, che in studio e dal vivo hanno reso il suono di Bowie spesso impossibile da riprodurre per noi umani normali. L’aspetto che complica il tutto è anche il fatto che alcuni suoi pezzi sono stra-famosi e iconici e se non li metti in scaletta il pubblico potrebbe chiedersi ma che razza di tributo sia. E visto che siamo nel regno dei blog, e quindi ciascuno fa e dice quel cazzo che gli pare alla faccia delle giurie popolari grilliste che controllano la veridicità delle informazioni, ecco quale potrebbe essere la mia scelta, in ordine sparso, quindi ditemi se non vi piacerebbe vedere un concerto così:

1- It’s No Game

2- I Can’t Give Everything Away

3- Loving The Alien

4- Where Are We Now?

5- Boys Keep Swinging

6- Absolute Beginners

7- New Killer Star

8- The Speed of Life

9- D.J.

10- Valentine’s Day

11- Always Crashing In The Same Car

12- Look Back In Anger

13- Cat people (nella versione live)

14- TVC15

15- Sense of Doubt

16- Cactus (Pixies cover)

17- Thursday’s Child

18- Ashes to Ashes

19- Warszawa

20- Wild is the wind

21- Kooks

22- I’m afraid of americans

23- Sons Of The Silent Age

24- Be My Wife

25- Heroes (guardate come si diverte Belew a suonare in questa versione)

5 pensieri su “le venticinque canzoni di Bowie che metterei in repertorio se suonassi in una tribute band di Bowie

  1. Grazie per questo bellissimo post. A proposito di “No plan”, hai avuto anche tu l’impressione che alcuni pezzi vocali fossero come “incollati” assieme nella fase di editing?

  2. Grazie a te. Non ho ancora ascoltato “No plan” con sufficiente attenzione e, soprattutto, in cuffia. Ora cerco di recuperare e poi ti dico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.