alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

la didattica intelligente

Avete presente lo spot di quel supermercato che pubblicizza la spesa intelligente con i suoi clienti travestiti da Einstein? Ci sono app per lo smartphone che ti mettono facce da coniglio o da unicorno o da quello che vuoi quando ti inquadrano il viso, e probabilmente da qualche parte c’è anche un effetto che ti fa i capelli e i baffoni da scienziato pazzo, che è un po’ come giocare a carnevale tutto l’anno anche se, per fortuna, gli scienziati sono molto più assennati di noi scrittori americani. I trucchi che ti cambiano i connotati sono funzionalità che, per loro natura, fanno parte della sfera ludica della nostra vita, anche se l’amara considerazione che più spesso ci facciamo è che da quando esistono queste cose è tutto sempre tempo libero. Certo, poi noi ci convinciamo che no, lo stiamo facendo per lavoro perché stiamo al computer tutto il giorno e perdere una manciata di minuti ogni tanto per dare un’occhiata ai social o farci un selfie da pubblicare su Instagram non è certo un problema. Io sono convinto che la crisi economica degli ultimi tempi derivi dal fatto che, a furia di rosicchiare tempo per like da pochi secondi su scala mondiale, abbiamo accumulato ore e ore di produttività in meno, ma non ho dati concreti a supporto di questa teoria. Tanto vale accodarci al trend globale e individuare nella trasformazione digitale della realtà il vero progresso. Ci sono anche effetti positivi. Pensate anche alla scuola e a come sarebbe andata se la videoconferenza e le piattaforme di didattica a distanza non fossero state inventate prima. Avremmo chiuso tutto con il Covid e chi si è visto si è visto, costringendo l’umanità alla didattica parentale. Ma per nostra fortuna la comunicazione tra docenti e studenti e docenti e famiglie si è avvalsa del mezzo del video e lo farà finché tutto non tornerà come prima, riuscendo a portare avanti uno straccio di programma. La prof di inglese di mia figlia è una vera entusiasta del lavoro che svolge e della sua mission. Lo si evince dal fatto che si presenta agli incontri online sfoggiando uno sfondo super-contestualizzato alla materia che insegna, tutto Union Jack e guardie della regina e cabine telefoniche e double-decker bus. Ma se lo può permettere perché è anche molto simpatica. La prof di matematica, al contrario, è pallosissima e trasmette perfettamente la sua scarsa predisposizione al mestiere dell’insegnamento. Probabilmente vorrebbe essere altrove e anziché fare la coordinatrice di classe per genitori sin troppo ingerenti guidare qualche team di ricerca tra un capo e l’altro del tunnel che collega i laboratori del CERN. Ho pensato che per lei l’app che ti fa sembrare Einstein da applicare a Microsoft Teams sarebbe perfetta, perlomeno risolverebbe almeno uno dei suoi problemi, quello dell’empatia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: