alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

quindi le sette lune di Dalla erano per i sette nuovi pianeti, giusto?

L’uscita del sequel cinematografico di Trainspotting ha avuto due clamorose conseguenze: intanto sono in molti quelli che si stanno procurando una copia del primo, perché se l’avete visto al cinema appena uscito come è successo a me, era il 96 o giù di lì, non sono trascorsi proprio due giorni e vi giuro che il vuoto è totale. Malgrado questo sosteniamo da allora che si tratti di un capolavoro, e se continuiamo a convincerci di questa opinione un motivo di sarà. Tuttavia faccio grossa fatica a ricordare come sia stato possibile che abbia comprato il cd (una copia originale e nuova di zecca) degli Underworld, manco a dirlo nello stesso periodo, ma a parte “Born slippy” non saprei cantarvi nessun’altra traccia di quel disco. Trainspotting comunque ha 21 anni mentre io e Cobain andiamo per i 50 con due differenze. Lui, anche se strafatto, ora è della stessa materia dell’iperspazio e gli è concesso di provare l’ebbrezza degli anni luce e visitare con la sua consistenza rarefatta le sette nuove terre come quella che abitiamo e che non vedono l’ora di entrare in contatto con la nostra civiltà. A me, che sono ancora in carne ed ossa ma con una corposa componente di pizza e birra, toccano le misere sciagure degli esseri umani intrappolati nelle gabbie per i rifiuti del Lidl e documentate sul web. Che sfortunati. Che mondo è, mi verrebbe da dire ai nostri cugini degli esopianeti, un posto in cui un giorno sei l’eroe del Leicester e finisci su tutte le copertine delle riviste sportive e qualche mese dopo non vali nemmeno lo sporco delle dita dei piedi di una delle riserve della squadra con cui hai vinto incredibilmente un campionato di calcio? Siete proprio sicuri di voler essere accomunati a noi? Avete posto per iniziative come Uber e Flixbus, chiederei ai fortunati abitanti di quei posti lontani, o l’iniziativa privata è stata soggiogata dal corporativismo anche lì da voi? Mi chiedo anche se da loro sia in vigore un unico social network per tutti e sette i pianeti e, in quel caso, chissà che insulti volano, chissà se si odiano tra di loro, chissà se sanno che li abbiamo scoperti e in tal caso chissà se stanno correndo ai ripari. Dimenticavo: Lucio Dalla era solo un pretesto ma non sfigura mai.

2 commenti su “quindi le sette lune di Dalla erano per i sette nuovi pianeti, giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: