alcuni aneddoti dal mio futuro

un blog molto anni 80

help desk – day #29

Sono un insegnante di scuola primaria che lavora almeno dieci ore al giorno. Non voglio passare per eroe, ma è dall’ultimo giorno che ho trascorso in classe – era il 21 febbraio, più di un mese fa – che sto seduto al computer dalle sette del mattino sino all’ora di cena e oltre, sino a tarda sera.

Il mio incarico è che la piattaforma di didattica digitale dell’istituto comprensivo in cui sono di ruolo funzioni per il meglio. Questo significa principalmente supportare i colleghi che non si sentono a proprio agio con la tecnologia e aiutare le famiglie che non hanno garantita la continuità didattica.

La realtà però è molto più terra-terra. Potrei snocciolare dei dati e dimostrare che almeno l’80% di chi non riesce ad accedere ai servizi di Google Suite – è il nome della piattaforma di didattica digitale – sono genitori (ma anche docenti, ogni tanto) che non si ricordano la password che hanno deciso loro. Il resto è un mare immenso di persone dotati di dispositivi che non userei nemmeno come supporti per fioriere, hanno impostato a loro insaputa Edge come browser, fanno errori di battitura quando scrivono gli indirizzi e-mail per fare log-in o per condividere materiali con docenti e alunni, o addirittura non hanno mai usato professionalmente un dispositivo digitale malgrado sia il 2020. Dal mattino a sera sono letteralmente sommerso da email, messaggi whatsapp e chiamate in cui mi vengono sottoposte rogne epocali ma che poi riesco sempre a risolvere perché, per mia fortuna, si rivelano problemi piuttosto elementari. Un vero e proprio servizio di help-desk, a tutti gli effetti. Ma non mi pesa affatto, giuro. La scuola pubblica è un servizio, e aiutare chi usufruisce di questo servizio e chi è tenuto a erogarlo è un piacere.

Oggi una collega della primaria mi ha chiesto se potessi chiamare una famiglia di recente immigrazione che ha due figlie a scuola da noi. La piccolina frequenta la seconda e la grande la quinta primaria. Al telefono ha risposto proprio lei, che è quella che in casa parla e capisce meglio l’italiano. Aveva il pc acceso davanti e le ho spiegato passo dopo passo tutto quello che doveva fare per accedere ai corsi di Google Classroom della sorellina. Ancora una volta il problema si è confermato facilmente risolvibile. C’era il solito impasse del conflitto tra più account Google attivi su Chrome, ora non ve lo sto a spiegare perché sarebbe noioso per i non addetti ai lavori. Le ho consigliato di operare sempre con un account Google per volta sul browser perché altrimenti il sistema fa pasticci. Clicchi su un invito a partecipare a una lezione che ti è arrivato sulla tua email e Chrome tenta di aprirlo con l’account di tua sorella attivo in un’altra pagina.

Sentivo lei che ripeteva quello che dicevo e il papà – aveva attivato il viva voce – che le rimarcava i passi del processo e la sollecitava a scriversi a penna le password commentando con il suo italiano ancora acerbo. Mi sembrava di assistere alla scena: la famiglia in cucina, il computer sul tavolo, e le cose che piano piano si risolvono.

Alla fine ce l’abbiamo fatta. Ora anche la sorellina potrà ricevere i compiti e seguire le lezioni a distanza della maestra. Non ricordo di essermi mai sentito così utile, anche se è una cosa molto piccola. Sono un sentimentale, che vi devo dire. Ho raccomandato alla ragazzina di memorizzare il mio numero e di chiamarmi nel caso si palesasse qualche altra difficoltà. Al momento di congedarmi, il papà ha preso la scena. Si è avvicinato al telefono e mi ha ringraziato più volte, forse fin troppo per quello che la situazione richiedesse. Mi ha detto grazie nella mia e nella sua lingua mentre fuori c’era il silenzio, la scuola era lontana, il tempo si faceva immobile, l’aria soffiava fresca, la vita scorreva imprevedibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: