una musica può fare

Standard

Quante volte, nelle nostre lezioni di musica, per dimostrare l’efficacia di una colonna sonora e quanto influenzi l’esperienza di visione di un film, abbiamo fatto ascoltare la celebre composizione di Bernard Hermann che accompagna la scena della doccia nel film “Psycho” di Alfred Hitchcock? L’ostinato di archi è in grado di mandare in tilt anche le persone più dotate di self control. Per questo motivo trovo che lo spot tv dell’Ansiolev sia ben architettato, a prescindere dal fatto che il naming del prodotto è talmente brutto da fare il giro e diventare sexy. Comunque immaginate se la vita fosse così, con i musicisti che ti seguono ed enfatizzano con il loro commento sonoro suonato dal vivo il tuo stato d’animo sia per far capire al prossimo come ti senti, proprio come nei film, ma anche per portare al parossismo qualsiasi emozione segreta. Una vita sul filo del rasoio. Per non parlare di quanti operatori del settore dello spettacolo gettati sul lastrico dalla pandemia potrebbero trovare un’occupazione redditizia. Io, per esempio, chiamerei Tom Morello a suonare l’intro di chitarra di “Killing In The Name Of” ogni volta che non riesco a incazzarmi come dovrei. La protagonista dello spot dell’Ansiolev ha invece un violinista con un fascino tutto suo che la molesta con questo tema angosciante che non è quello di “Psycho” – immagino per ovvi motivi di copyright – ma gli strizza l’occhio, anzi, gli sfrega le corde. Bravi tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.