trabiccoli

Standard

Se siete affetti dall’ostalgia, questi non sono certo i tempi migliori per scriverlo da qualche parte, a meno di voler dichiarare che si tratta di una storia chiusa. Ormai è una passione che è meglio coltivare nel segreto delle vostre case, magari davanti alla tv per seguire programmi come “Le automobili d’oltrecortina”, andato in onda ieri pomeriggio sul mio canale preferito, che è Rai Storia. A chi, come me, non mastica la lingua tedesca, resta il dubbio senza risposta se ci sia qualche analogia etimologica tra Trabant e trabiccolo, e perdonate l’allitterazione degna dei trentatré trentini trotterellanti verso Trento. Al netto delle tessere della FGCI, da non confondere con la FIGC, l’organizzazione che si contendeva, con quella rossa delle due, i giovani quando ero giovane io, il mio è un puro e ingenuo invaghimento estetico. Pensate solo se fossimo costretti ad attendere anni dal momento in cui prenoti una macchina al giorno in cui puoi passare a ritirarla in concessionaria. Ma forse quello che stiamo vivendo non è nemmeno il momento adatto per paragoni di questo tipo, giacché ho sentito di dodici mesi di attesa per una Tesla. E mentre oggi questo succede per tutti i blocchi commerciali dovuti alla straordinaria combo covid+guerra mondiale,  ai tempi dell’Unione Sovietica era la prassi. Il documentario di cui consiglio la visione trasmette l’affetto irrazionale del genere umano per i veicoli semoventi soprattutto quando è difficile procurarsene uno, che va letto – a mio modesto parere – come l’innato piacere che si prova nello spostarsi portando con sé parti della propria vita stanziale. Insomma, a qualunque longitudine siamo figli delle popolazioni nomadi non certo per volontà propria, costrette da mutamenti ambientali e climatici o, nel peggiore dei casi, da altre popolazioni a loro volta in cerca di un posto al sole ma più forti e agguerrite, a muovere le tende altrove. Un istinto che sfoghiamo al volante. A me piace viaggiare in auto ma solo perché anch’io l’ho appena cambiata, e sono consapevole del fatto che, quando la mia nuova Suzuki avrà l’età della Opel che ha appena soppiantato, tornerò a sposare la causa della sedentarietà, dello stare sul divano ad ascoltare dischi, dello schifare le code in autostrada. Buon viaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.