president reserve

Standard

Abbiamo avuto allenatori stranieri delle nostre squadre di calcio, Eike Schmidt è il direttore degli Uffizi e anche nelle aziende, specialmente ai vertici delle filiali locali delle multinazionali, è facile trovare manager non italiani. Per questo la proposta di un Presidente della Repubblica di un’altra nazionalità mi sembra la più efficace, considerando la penuria di candidati a questo giro di elezioni e, soprattutto, la difficoltà di mettere d’accordo i due poli in cui è divisa la nostra politica. L’ipotesi Angela Merkel, oramai prossima alla conferma, sembra la più efficace e ha lo stesso sapore dei grandi campioni della NBA che, vinto tutto quello che c’era da vincere negli Stati Uniti, e destinati alla panchina per motivi di età, si trasferiscono nelle squadre della nostra massima serie per fare ancora la differenza. Angela Merkel soddisferebbe tutti i requisiti: è brava, è qualificata, è donna, piace a tutti. Certo, qualcuno degli altri candidati nostrani potrebbe leggere nella sua elezione un affronto personale, pensate solo a chi in passato ne ha criticato la sua avvenenza. Però, consapevoli del successo ottenuto nella sua nazione di origine, è ovvio che risulta l’unica in grado di guidarci in questa complessa fase di transizione. Provate a immaginare: la Merkel presidente e Draghi nella stanza dei bottoni. Un’Italia un po’ tedesca e più europea è proprio quello che ci vuole.

Un pensiero su “president reserve

  1. In fin dei conti il Vaticano sono cinquant’anni che fa così…

    Comunque il rischio concreto di una simile risoluzione è che pensi ti ritroverai con la Merkel presidente, ed invece viene eletto Trump.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.